Pugni choosy

5 Dicembre Dic 2012 2233 05 dicembre 2012

Avanti i giovani che a noi vien da ridere

  • ...

Sembra che da quando ho aperto questo blog, parlare di giovani sia passato di moda. Sono arrivato tardi, ma magari sono anche arrivato presto per il prossimo giro di "giovanilismo".

Mi aspettavo che dalle primarie del Centrosinistra prima, e dalle Parlamentarie del Movimento 5 Stelle poi, uscisse qualcosa di interessante. Ma nulla. Nel centrosinistra Bersani ha catalizzato il voto della maggioranza silenziosa, mentre Renzi ha dimostrato che più che un giovane, è un 40enne giovanilista (e che tristezza sotto questo aspetto). Alle parlamentarie sembrano invece  esserci solo vecchi.

Vecchi nel senso che quelli che vedo su youtube cercando "candidatura parlamento Movimento 5 Stelle" sono, per la maggior parte, gente tra i 40 e i 60 anni genericamente incazzata. Quei pochi under35 che ho trovato sono onestamente sconcertanti. "Votatemi in quanto sono onesto e preparato". Ullalà, che promessa! E poi "In quanto": tutti lo dicono. "In quanto" me lo porto dietro dal liceo come l'espressione della disperazione, un allungamento del brodo in caccia del diversivo. La conferma me l'ha data Google Answer, quando ho letto l'ultima risposta a questa domanda.

Mi viene in mente la grande truffa del "largo ai giovani", quella frase che serve a bruciarli abbastanza rapidamente da preservare il posto di chi c'era già prima. E così mi sembrano anche le parlamentarie di Beppe Grillo nei confronti dei più giovani. Che mi hanno stupito, perché non sono le bestie bavose e incazzose che hanno qualche anno più di loro, ma sembrano ragionevoli, svegli, e pronti ad essere sbaragliati e bruciati.

Mi viene una grande tristezza, perché ho la netta impressione che ci sia chi già oggi sta giocando col loro futuro. Dicono "in quanto" come davanti al prof di filosofia che gli chiede qualcosa su Nietsche, chiunque fosse, e non si rendono conto che sono lì in quanto carne da macello. E da loro più o meno coetaneo, mi chiedo: forse diventare grandi, vuol dire non essere più giovani da mandare avanti allo sbaraglio?

Correlati