RossoSangue

16 Settembre Set 2012 1811 16 settembre 2012

Del perché alcuni uomini ammazzano le loro donne

  • ...

Il palazzo di via San Dionigi dove è avvenuto l'omicidio.



Uno dei motivi per cui alcuni uomini ammazzano le loro donne sta proprio in quel "loro". Come se le donne in questione fossero una proprietà più che esseri umani indipendenti, liberi e pensanti.

E' accaduto, per l'ennesima volta quest'anno (come gli anni scorsi, del resto), in via San Dionigi a Milano, periferia sud. Un marocchino di 28 anni ha ucciso a coltellate la compagna 25enne italiana davanti a loro figlio di 14 mesi.

Poi si è buttato dal balcone del settimo piano (atterrando su quello del quarto) dopo aver ingerito detersivo liquido per la cura dei lavandini otturati. Soccorso è stato trasportato in ospedale dove i medici lo hanno dichiarato fuori pericolo.

Di solito gli uomini che uccidono le donne lo fanno perché lo hanno deciso. Non si tratta di gesti inconsulti al culmine di liti, non si tratta nemmeno di azioni dettate dalla follia e men che meno di atti di chi non è in grado di capire cosa vuole.

Gli uomini uccidono le donne perché non sanno più in che modo imporsi, perché vogliono il potere e il controllo. Sono gli stessi uomini prevaricanti che pretendono di dettare legge, di comandare a bacchetta, di essere portati in palmo di mano.

Quando le parole smettono di fare effetto, quando le liti, le urla e le grida lasciano il posto agli schiaffi e alla violenza di solito la strada intrapresa è quella giusta per arrivare all'omicidio.

Che magari non è nemmeno premeditato. Ma sono morti annunciate. Loro due che litigano ogni sera, l'appartamento in subbuglio con colpi sferrati e mobili che sembra che si spostino. Bambini che strillano e piangono.

Nella maggior parte dei casi queste famiglie disfunzionali (perché esiste un range di normalità, tipo non mettersi le mani addosso, per esempio) vivono così per anni senza arrivare alla tragedia. E senza che nessuno si preoccupi più di tanto.

In qualche caso, come quello della famigliola di via San Dionigi, la tragedia arriva puntuale. In questo caso l'uso di droghe da parte di entrambi ha fatto sicuramente la parte del leone.

Correlati