Soffiati il naso col pettine

30 Agosto Ago 2012 0630 30 agosto 2012

Se ci tocca rimpiangere Condoleeza Rice

  • ...

Condoleeza Rice ha fatto irruzione sul palco di Tampa strappando l’immaginario collettivo della convention repubblicana dai trattori che scorazzano sui campi del Midwest e dai negozietti di alimentari gestiti da generazioni con immutati amore e dedizione.
Dopo due giorni di storie intime – e tutte uguali – sul sogno americano, la fatica di essere madri e padri e la sfida di essere figli, rigorosamente a stelle e strisce, l’ex segretario di Stato di George W. Bush ha parlato di Cina, Siria, Iraq, bombe e accordi di libero commercio. Migliaia di delegati scalzi e alticci, ammassati sulla moquette già consumata da stivaloni da cow-boy e macchie di ketchup, hanno applaudito con vigore. Verosimilmente senza avere la minima capacità di collocare il Medio Oriente su una cartina geografica.
Eppure proprio il tentativo di Condoleeza di alzare i toni del discorso pubblico ha in qualche modo evidenziato la pochezza della retorica che l’aveva preceduta e, peggio ancora, l’assenza totale della politica estera dagli interessi degli americani e del duo Romney-Ryan che vorrebbe governarli.
La professoressa Rice, piacciano o meno le sue posizioni, ha sancito la sua superiorità rispetto alla media del resto dell’America. Ma anche puntato un faro sulla massa indistinta di casalinghe, negozianti e piccoli imprenditori che la hanno applaudita senza afferrarne i temi.
Il ventre molle dell’America, come sa chiunque conosca un minimo il Paese, è fatto di persone che non sono mai uscite dagli Stati Uniti, o magari dal proprio Stato. Per molti dei delegati di Tampa – piccoli politici di quartiere – quella della convention è la prima gita fuori dai confini del Wisconsin o dell’Arkansas, un’occasione mondana che diventa rito di identificazione collettiva nella celebrazione della grandezza degli States.
Paul Ryan lo sa, e infatti non un solo accenno agli Esteri, alla Difesa o alla Cina – che pure ha molto a che vedere con quel deficit economico di cui parla incessantemente – è arrivato dal suo discorso. Anche Condoleeza lo sa: tanto che ha cortesemente declinato l’offerta di un posto nell’amministrazione repubblicana che potrebbe nascere.
Ma se siamo al punto di rimpiangere Condi, allora c’è davvero da preoccuparsi.

Correlati