Strade PERcorse

24 Dicembre Dic 2014 1049 24 dicembre 2014

Per una buona causa

  • ...

Devo ammettere di aver commesso un errore. Nella descrizione di questo blog ho scritto che la corsa non fa bene, che ci si infortuna e che il bello inizia quando finisce. Non è vero. La corsa può essere bella prima, durante e dopo. Se si corre per una buona causa. Questa filosofia di vita me l'ha insegnata Fabrizio Cosi, fondatore dei Podisti da Marte, l’associazione no profit che 'realizza progetti sociali per generare attivismo civico e solidale'.

OLTRE 2 MILIONI DI FONDI RACCOLTI.
I Podisti da Marte coordinano il Charity Program della Milano Marathon dal 2010, anno della sua nascita, e in queste cinque edizioni l'iniziativa ha raccolto circa 2.200.000 euro di donazioni con la partecipazione di oltre 215 organizzazioni non profit (Onp).
L’edizione del 2014 ha coinvolto 130 Onp e la raccolta fondi ha superato i 700.000 euro, di cui il 20% attraverso il Personal Fundraising avviato dai runner che hanno deciso di affiancare alla propria sfida sportiva quella solidale raccogliendo fondi per una buona causa.

Se anche voi volete unirvi a questa fantastica esperienza che trasforma l'acido lattico delle vostre gambe in benessere per chi soffre davvero leggete qui sotto:


CHE COS’È?
Il Charity Program è il progetto di solidarietà creato e sostenuto da Milano Marathon che permette a tutti i runner di correre per un’organizzazione non profit e aiutarla a raccogliere donazioni. Durante la procedura d’iscrizione, ai maratoneti ed alle squadre della staffetta viene chiesto di selezionare la propria charity preferita dall’elenco disponibile ed il logo della charity scelta sarà stampato sul pettorale.
Tutti i runner diventano così ambasciatori di una delle Onlus aderenti al Charity Program, (qui tutti i progetti).

UNA SFIDA CULTURALE.
La sfida lanciata da Milano Marathon è prima di tutto una sfida culturale. L'ambizione è contribuire a diffondere l’approccio “anglosassone” al mondo della beneficenza. Un approccio che coinvolge attivamente e direttamente il sostenitore rendendolo protagonista e driver della raccolta fondi. La filosofia è: sostengo, dono e invito i miei amici a partecipare con una donazione.
Questo modello di raccolta fondi, basato principalmente sul Personal Fundraising permette di ottenere ottimi risultati, sia in termini di coinvolgimento e sensibilizzazione della community dei runner, sia in termini di raccolta fondi.

COME CONTRIBUIRE.
Se sei un runner, e devi ancora iscriverti, puoi scegliere di farlo attraverso una delle Charity ufficiali. Scegliendo fra i tanti progetti benefici delle Onlus che hanno preso parte al programma, potrai acquistare il pettorale della staffetta e della maratona direttamente dalla ONP che hai scelto di sostenere.
Con la tua iscrizione, da solo o con il tuo team, sosterrai attivamente i progetti delle Onlus aderenti e potrai scegliere di fare una donazione aggiuntiva di importo libero.
Infine puoi fare il passo più grande, attivandoti in prima persona nella raccolta fondi e diventando Personal Fundraiser, ovvero promotore di una colletta online sul portale www.retedeldono.it, che andrà a sostenere la tua charity preferita.
Buona raccolta!

IL REGALO DI NATALE.
Oggi mi è arrivata una lettera di Fabrizio (scarica il pdf), il più bel regalo di Natale che vi auguro di ricevere l'anno prossimo!