Strade PERcorse

4 Gennaio Gen 2015 1949 04 gennaio 2015

Il mare d'inverno

  • ...

In questo post vi racconto tre cose: una gita in collina, un santuario per gli esorcismi e un allenamento tra mare e pineta.
Tra le cose belle delle feste di Natale c'è anche la possibilità di evadere dalla quotidianità per andare alla scoperta di nuovi luoghi sempre con le nostre scarpette in valigia.
La tappa del mio viaggio è stata Cervia, una piccola città sul mare in provincia di Ravenna dove vi consiglio di passare almeno un weekend prima o poi, in estate ma anche in inverno.
Durante il racconto troverete i link dei luoghi da visitare, dove dormire e mangiare.

ANATRE A SPASSO SUL LAGO GHIACCIATO. Quando si dice Romagna la prima immagine che viene in mente sono lunghe spiagge e mare, invece nell'entroterra si distendono dolci colline con laghi e boschi ideali per lunghe passeggiate nelle giornate di sole. Acquapartita è una località sul monte Còmero, vicino a Bagno di Romagna, meno di un'ora di macchina da Cervia.
Vi consiglio di fermarvi a pranzo al ristorante dell'hotel Del Lago dove l'accoglienza, la qualità dei piatti e la professionalità del personale appagano ampiamente i viaggiatori. Anche il conto vi sorprenderà, in positivo.
Le colline spruzzate di neve sono state la cornice ideale per una passeggiata attorno al piccolo lago ghiacciato che riporta alla memoria la domanda esistenziale del giovane Holden di Salinger. In questo caso la risposta a dove vanno a dormire le anatre la stanno ancora cercando. Noi invece abbiamo dormito in un appartamento molto grazioso nel cuore di Cervia gestito dalla famiglia proprietaria dell'hotel Kiss che vi consiglio di contattare per le vacanze.

TRA PLAUTO E GLI ESORCISMI. Dopo la passeggiata si risale in macchina con destinazione Sarsina. Se siete in zona non potete non visitare questo paese famoso per aver dato i natali al poeta Plauto ma anche per San Vicinio che visse in quelle terre tra il III e il IV secolo e aveva fama di taumaturgo. Nei momenti di preghiera Vicinio si appesantiva il collo con una grande pietra appesa a un collare.
Oggi i credenti portano gli infermi e chi è in preda a possessioni diaboliche per ottenere la benedizione che viene data appoggiando il collare attorno al collo.
A rendere indimenticabile la gita sono state le parole del prete che ha dovuto rifiutare l'invito a cena di un parrocchiano giustificandosi così: 'stasera non posso proprio, ho un esorcismo a Forlì'.

ALLENAMENTO 'MARE MONTI'. In realtà il mio allenamento non si è svolto sulle colline, ma in parte sul lungomare tra Cervia e Milano Marittima e in parte nella pineta compresa tra la strada statale Adriatica e i paesi. C'è un'atmosfera magica negli stradelli irregolari della pineta con le narici pervase dal profumo di terra bagnata, muschio e corteccia dei pini marittimi esaltati dalla umidità all'imbrunire.
A un tratto mi sono trovato di fronte al Parco Naturale di Cervia che da diversi anni si occupa del ripopolamento delle specie autoctone. In ordine sparso incontrerete pavoni, conigli, capre, pecore, cavalli, asini, cervi, daini. Molti di questi animali si possono toccare con mano all’interno del recinto della fattoria didattica.
Qualcuno ha detto che 'il mare d'inverno è un concetto che il pensiero non considera'. Bene, iniziate a considerarlo!

6d88f9ba-96e2-4019-8529-b47041fc94c4