Taccuino al buio

17 Novembre Nov 2012 2026 17 novembre 2012

Impressioni di novembre / 10

  • ...



La giuria ha evidentemente deciso di non assegnare il Marc'Aurelio d'Oro, ma il Vespasiano di latta. "Marfa Girl" di Larry Clark come miglior film non si può proprio sentire. Solo un altro film in concorso era altrettanto brutto, si tratta dell'italiano "E la chiamano estate": e infatti ha preso due premi, alla regia per Paolo Franchi e alla migliore attrice per Isabella Ferrari. Follie: il giurato Hogan potrebbe farci il suo prossimo film...

Fortuna che "Alì ha gli occhi azzurri", l'ottimo film di Claudio Giovannesi, ha vinto il premio speciale della giuria, oltre al riconoscimento per la migliore opera prima e seconda. E' senza dubbio l'opera italiana migliore vista al festival, certamente superiore e di maggiore respiro rispetto al vincitore delle Prospettive Italia, "Cosimo e Nicole", di Francesco Amato con Riccardo Scamarcio (che forse si vergogna dei film fatti con Federico Moccia, rigorosamente omessi nelle cartelle stampa, nonostante sul loro successo si fondi il grosso della sua popolarita, ma problemi suoi...)

Ricordarsi di "The Motel Life" degli americani fratelli Polsky solo per la sceneggiatura è una presa in giro (fortuna che gli spettatori se ne sono accorti e gli hanno conferito il premio del pubblico Bnl). La giuria avrebbe fatto meglio a non dargli nulla, come ha ritenuto di fare con "A glimpse inside the mind of Charles Swan III" dell'ottimo Roman Coppola. Forse il miglior film del festival.

Correlati