Uomini e mouse

8 Aprile Apr 2014 1857 08 aprile 2014

Vodafone, il pagamento è mobile

  • ...

Per pagare è sufficiente avvicinare lo smartphone a un Pos abilitato.

I più tenaci e i più tecnologici ci provano sempre. Davanti alle casse quando è ora di pagare tirano sempre fuori per prima una carta ricaricabile contactless. Quelle, in pratica, che si attivano solo avvicinandole al Pos, senza contatto né la classica 'strisciata'. A volte va bene, in altri casi l'operazione crea file interminabili e molti nervosismi fra chi è in coda ad aspettare quando l'operatrice dice: «Mi spiace ma la transazione non è stata eseguita. Magari riproviamo col classico bancomat?».

Da oggi, forse, queste scene saranno destinate a scomparire. Vodafone ha infatti lanciato il suo portafogli digitale per i pagamenti via smartphone. Terminata la fase pilota ora è tutto pronto per la vera partenza. Sim Nfc "alla mano" per pagare basterà davvero avvicinare il telefono a un Pos abilitato e la transazione avverrà in pochi secondi. E, per importi fino a 25 euro, non sarà neppure necessario inserire un pin. In realtà alla scheda telefonica viene associata la carta prepagata dell'operatore telefonico, la Vodafone SmartPass già in circolazione da tempo, che ora viene "smaterializzata" sulla sim anche se è possibile continuare a utilizzarla anche per effettuare acquisti su internet o in modalità contactless.

La vera novità però è la creazione del Vodafone Wallet (insieme con CartaSi e MasterCard) un vero e proprio portafogli elettronico dove potenzialmente possono confluire carta e bancomat di qualsiasi istituto di credito. Così l'utente potrebbe avere - in un unico dispositivo e con un accesso unico - tutti i suoi mezzi di pagamento virtualizzati e accessibili con un solo gesto. Sulla piattaforma inoltre sarà possibile trasferire in formato digitale anche buoni pasto, abbonamento ai mezzi pubblici e carte fedeltà della Grande distribuzione. In futuro anche la propria carta d'identità, ma per quello serve ancora tempo.

Così davvero l'unica cosa che ci porteremo dietro sarà il nostro smartphone. Pronto a contenere tutto il nostro mondo. E i nostri conti. Resta certo sempre il nodo sicurezza ma, come spiegano da Vodafone, in caso si smarrimento o di furto è possibile bloccare tutto (carte comprese) con un'unica chiamata. Non resta che provare. E magari sperare che il nuovo governo spinga per il "modello coreano": ossia un "premio - di solito un rimborso percentuale sul tetto totale di spesa - per chi "sposa" il pagamento digitale e dichiara guerra al contante. Con buona pace del sommerso.

Correlati