Vita da Papa

27 Maggio Mag 2012 2202 27 maggio 2012

Scola dà il mandato ai volontari per il Family Day

  • ...

Milano ha dato avvio ufficialmente al VII Incontro Mondiale
delle Famiglie con la Celebrazione Eucaristica nel giorno di Pentecoste
domenica 27 maggio 2012 presieduta dal Cardinale Angelo Scola in un Duomo
affollato da più di 5.000 volontari che nella settimana di lavori e di presenza
– dal 1 al 3 giugno – di Papa Benedetto XVI saranno gli “angeli custodi” dei
pellegrini che confluiranno da tutto il mondo. La macchina organizzativa è
operativa da diversi mesi e molti dei volontari prestano il loro servizio da
settimane ma il grosso di loro entrerà in azione con l’inizio ufficiale dei
lavori. Ricordando il dono dello Spirito, del Paràclito, Scola ha indicato ai
fedeli come il ritorno al Padre di Gesù non è un abbandono, ma la possibilità
di un nuovo venire. E la  nuova venuta è “la
sua permanenza tra noi”. Nella sua omelia il Presule ambrosiano ha fatto
continuo riferimento all’unità e alla missione che caratterizzano lo Spirito e
che devono essere anche le motivazioni che spingono i volontari – e i
partecipanti – al Family Day.   Non poteva mancare un riferimento – non inserito
nel testo ufficiale – ai recenti scandali che hanno visto protagonista la
Chiesa Cattolica. Per Scola “molti si scandalizzano della fragilità degli
uomini di Chiesa che possono essere fragili” ma la sua presenza è in sé stessa
santa. Continuo è stato l’invito a testimoniare l’unità con la memoria di una
Chiesa che esiste per lasciare trasparire la bellezza che ogni giorno si rinnova
anche al di là dei limiti. Tutto questo si può ottenere attraverso il perdono e
la riconciliazione. Moniti e inviti che sembrano dettati con un occhio alle
tristi vicende che stanno creando profonda crisi all’interno delle Sacre
Mura.  Un incontro – quello di Milano-
che si inserisce come un’autentica visita Pastorale di Benedetto XVI in terra d’Ambrogio.
I volontari sono pronti, animati dalla voglia di servire la Chiesa ambrosiana
in occasione di questo straordinario appuntamento. La domanda si pone su come
risponderà l’intera città, se sarà capace di farsi coinvolgere dalla presenza
di Benedetto XVI.

Edoardo Caprino

Correlati