Zibaldone43

17 Gennaio Gen 2014 0700 17 gennaio 2014

Asl Benevento: De Girolamo e la strana difesa di Boccia

  • ...

È finita nella bufera per alcune intercettazioni a sua insaputa. E ora il ministro dell'Agricoltura Nunzia De Girolamo, che non è indagato nell'ambito dell'inchiesta sulla sanità in Campania e sull'Asl di Benevento, rischia il posto nel governo: a chiederne la testa ci sono Partito democratico, Movimento 5 stelle (che ha chiesto la mozione di sfiducia alla Camera) e Scelta civica.
«INTERCETTAZIONI DI UN DELINQUENTE». A provare a placare le polemiche è stato anche Francesco Boccia, marito di De Girolamo, ospite di lunedì 13 gennaio del programma di La7 Piazza Pulita.

Il deputato del Pd (l'intervento è dal minuto 1:05 a 1:10) ha subito precisato che «la vicenda deve essere accertata».
Fin qui, dichiarazioni di circostanza da parte di Boccia, che appena arrivato nella trasmissione condotta da Corrado Formigli ha raccontato che le «intercettazioni sono state effettuate da un delinquente (Felice Pisapia, ex direttore dell'Asl di Benevento, ndr), come l'ha definito la magistratura».
«PERSONA CON ALTRI REATI». Poi ha rincarato la dose, sostenendo che si trattava di una «persona che aveva altre inchieste e altri reati, usciti dopo però».
La definizione di «delinquente», Boccia, l'ha ripetuta più volte, finché ha scelto l'espressione «gruppo di delinquenti».
Mentre lo studio di Piazza Pulita ha scelto il silenzio, c'è una domanda che vorremmo rivolgere al rappresentante del Pd. Ma pure al ministro.
Cosa ci faceva un «delinquente» in casa De Girolamo?

Twitter Dario_Colombo

Correlati