24 Febbraio Feb 2017 0907 24 febbraio 2017

Cosa si intende per rischio sismico

  • ...

A seguito dei vari terremoti che hanno colpito il centro del nostro paese, viene spontaneo domandarsi quanto il territorio della penisola sia a rischio sismico, tuttavia per i non addetti ai lavori non è facile comprendere il vero significato di tale espressione. Proviamo a fare un po' di chiarezza.

Sismologia

La scienza che studia i terremoti, i maremoti e l'attività dei vulcani di un paese si chiama Sismologia che a sua volta fa parte della Geofisica, la quale applica metodi e misure fisiche alle proprietà del pianeta Terra.

La frequenza e la forza con cui si manifestano i terremoti viene definita sismicità, la predisposizione delle costruzioni ad essere danneggiate a seguito di un terremoto viene indicata con vulnerabilità, mentre con esposizione si intende la possibilità di subire un danno economico, ai beni culturali presenti nel paese e alla perdita di vite umane.

Rischio sismico

Con rischio sismico si intende la previsione delle conseguenze in termini di danni ambientali, sociali ed economici, attesi in una determinata area e in un determinato periodo di tempo.

Tale valutazione viene determinata combinando i parametri poc'anzi spiegati, ovvero: esposizione, vulnerabilità e pericolosità.

Stando a quanto riportato dalla Protezione Civile, l'Italia ha un livello di vulnerabilità molto elevato, un'esposizione altissima, mentre per quanto riguarda la pericolosità ha un livello medio-alto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati