15 Novembre Nov 2017 1055 15 novembre 2017

Consigli su come risparmiare sul riscaldamento durante l’inverno

  • ...

Con il progressivo calo delle temperature si torna nuovamente ad accedere i sistemi di riscaldamento, con inevitabili conseguenze sugli importi delle bollette del gas e quindi sui bilanci delle famiglie. Risparmiare sul riscaldamento è però possibile, basta adottare qualche piccolo accorgimento, senza stravolgere il proprio stile di consumo, ed eliminare tutte le possibili fonti di spreco. Come spesso accade, anche in questo caso occorre giocare d’anticipo, effettuando dei controlli già nei mesi che precedono l’accensione degli impianti. Vediamo di cosa si tratta.

Manutenzione della caldaia e degli impianti di riscaldamento

Obbligatoria per legge, la manutenzione della caldaia consente di identificare eventuali anomalie o problemi all’impianto. La prova dei fumi e la pulizia di caldaie, stufe a pellet e termosifoni dovrebbe essere effettuata almeno ogni biennio. Oltre a garantire la sicurezza, questa semplice attività di manutenzione consente di ottimizzare l’impiego delle risorse energetiche, evitando pericolosi sprechi.

In caso di impianti ormai datati bisognerebbe valutare anche l’eventuale sostituzione con caldaie e impianti di riscaldamenti di ultima generazione, sia a livello condominiale che per le abitazioni dei privati. Una spesa sicuramente rilevante ma facilmente recuperabile, non solo per le detrazioni fiscali previste per gli interventi mirati al miglioramento energetico delle abitazioni – previste dall’Ecobonus -, ma anche per la garanzia del risparmio sui costi in bolletta negli anni futuri.

Tra le attività di manutenzione rientra anche lo sfiato dei termosifoni. L’eventuale presenza di aria non favorisce la circolazione dell’acqua calda, mantenendo così i termosifoni tiepidi anche quando la caldaia è accesa.

Gestione degli impianti di riscaldamento domestici

Impostare la temperatura interna delle abitazioni sui 19-20 C° e azionare gli impianti di riscaldamento solo quando si è in casa potrebbe già bastare a garantire una sensibile riduzione dei consumi. Grazie all’installazione delle termovalvole e dei contabilizzatori di calore è possibile ottimizzare l’impiego energetico e stabilizzare la temperatura interna anche nelle abitazioni con sistemi di riscaldamento centralizzati.

Rimuovere ogni tipo di ostacolo posto davanti ai termosifoni – tendaggi pesanti o mobili – garantirà inoltre una maggiore diffusione del calore nella singola stanza e anche nel resto degli ambienti.

Verificare l’isolamento termico dell’abitazione

L’isolamento termico di pareti e finestre è un ottimo rimedio contro le dispersioni di calore. Dotarsi di infissi e porte sigillanti consente di trattenere più a lungo il calore all’interno e di limitare il periodo di accensione degli impianti. Fondamentale è anche la valutazione dell’isolamento termico delle pareti e del tetto, in questo caso sarà possibile agire sia all’esterno - inserendo uno strato di isolamento sulle pareti esterne dell’abitazione - sia dall’interno - usando pannelli isolanti all’interno dell’appartamento -.

Scegliere una tariffa gas in linea con le proprie esigenze di consumo

La scelta della tariffa gas è senza dubbio un aspetto da non sottovalutare. La liberalizzazione del mercato ha infatti favorito la nascita di numerose compagnie energetiche, con il moltiplicarsi dell’offerta. Prima di sottoscrivere un contratto bisogna ricordare che le offerte gas si differenziano principalmente per i loro piani tariffari, ovvero:

  • le offerte a “prezzo bloccato” prevedono un prezzo fisso per 12/24 mesi. Seppur vantaggiose, garantiscono un risparmio nel periodo in cui l’offerta è attiva, ma al termine potrebbero portare un aumento del costo della materia prima;
  • le offerte a “prezzo indicizzato”, il prezzo della materia prima è definito dall’Autorità per l’Energia o risente dell’andamento dei prezzi in borsa. Questi tipi di offerte consentono di approfittare del calo dei prezzi all’ingrosso, ma non tutelano l’utente da possibili rincari;
  • le offerte “tutto compreso”: le compagnie che adottano questa formula stabiliscono diverse taglie di consumo, con una tariffa fissa mensile o annuale, stabilita sulla base dei metri cubi di gas consumati. L’utente potrà scegliere la “taglia” giusta a seconda delle sue stime di consumo e avere la certezza di pagare lo stesso prezzo per tutta la durata del contratto.

Oltre a prolungare l’accensione degli impianti di riscaldamento, con la stagione invernale aumentano anche i consumi di energia elettrica. Anche in questo caso uno stile di consumo attento e responsabile, e la scelta di offerte luce e gas vantaggiose e in linea con le proprie abitudini di consumo, potrebbero fare la differenza. Infatti oltre a tagliare i costi in bolletta, si avrà la certezza di ridurre l’impatto ambientale grazie alla minore emissione di sostanze inquinanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso