20 Giugno Giu 2017 1621 20 giugno 2017

Come addestrare un pitbull

  • ...

I pitbull sono dei cani che, secondo molti, hanno un’apparenza particolarmente aggressiva. In realtà però si tratta di un’impressione totalmente sbagliata perché, come gli altri cani, anche loro sanno essere molto dolci e affettuosi.

I pitbull possono anche essere addestrati se si seguono alcuni consigli. Innanzitutto la prima cosa da fare è fargli praticare attività fisica in modo da farlo sfogare il più possibile.

La cosa migliore sarebbe fargli fare 2 ore al giorno di passeggiata. Ma andiamo a capire meglio come addestrare un pitbull.

Insegnargli dove fare la pipì

Come con tutti i cuccioli, anche con i pitbull all’inizio si presenta il problema della pipì in casa. I cuccioli solitamente hanno bisogno di urinare soprattutto dopo aver dormito, dopo un pasto o dopo un viaggio. È consigliabile dunque scegliere una zona della casa che possa fungere come ‘posto in cui fare i bisogni’.

Appena si porta il cucciolo in casa, portarlo nella zona scelta e attendere fino a quando non farà la prima pipì. Appena fatta, si dovrà lodare il cucciolo e magari regalargli un bocconcino.

Addestrare pitbull: coerenza e pazienza sono fondamentali

La cosa più importante quando si cerca di addestrare un pitbull è restare coerenti, nel bene e nel male. I comportamenti sbagliati, poi, devono essere corretti sempre e non a volte sì e a volte no. Il pitbull deve capire chi comanda: quando si fa una passeggiata, ad esempio, meglio allentargli il guinzaglio in modo che, se volesse cambiare direzione, possa capire che deve seguire il padrone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati