21 Ottobre Ott 2017 1100 21 ottobre 2017

Gattile come funziona

  • ...

Con il termine “gattile” si intende uno spazio, generalmente composto da gabbie e/o con qualche area all’aperto recintata, che svolge la funzione di rifugio per gatti randagi. Nel nome e nella sostanza si può equiparare a un canile. Bisogna però distinguere tra gattile in senso stretto, che è la struttura sopraindicata, e altre due locazioni per gatti randagi: le “oasi feline” nelle quali la recinzione è fatta in modo da non limitare l'uscita ai gatti che possono circolare liberamente per il territorio circostante e le “colonie feline”, luoghi dove i gatti si sono spontaneamente riuniti in gruppo e dei quali si occupano le cosiddette “gattare” (pensiamo ai gatti dei Fori Imperiali a Roma o a quelli del Castello Sforzesco di Milano).

Volontari e contributo del Comune

I gattili sono gestiti da volontari. Possono costituire un'associazione senza fini di lucro, e spesso vengono realizzati in un terreno che il Comune cede in usufrutto. Non sempre però le pubbliche amministrazioni provvedono adeguatamente ai finanziamenti dei rifugi e i volontari si possono ritrovare a dover inventare delle attività (mercatini e cene sociali) per reperire i soldi necessari all'acquisto di cibo e medicinali. L’unica spesa coperta dal Comune è quella della sterilizzazione (legge 281 del 1991 e le leggi regionali correlate) che viene praticata dai veterinari delle aziende sanitarie locali. Per questo motivo un contributo fondamentale è quello dato dalle le donazioni dei privati, sia in denaro che in materiale utile: cibo, coperte, cucce, medicinali. Esiste poi la formula dell'”adozione a distanza”, per coloro che non possono permettersi di tenere un micio in casa, che avviene versando una quota annuale per assicurare un livello base di alimentazione e salute a un gatto sfortunato.

L’adozione

Lo scopo fondamentale dei gattili è quello di recuperare i gatti dalla strada per poi trovare a ciascuno una nuova casa. Per questo motivo il processo di adozione è un aspetto fondamentale della vita in gattile. Le persone che desiderano avere un nuovo amico a quattro zampe possono recarsi in un qualunque gattile dove troveranno tantissimi “pelosetti” bisognosi. I mici che troviamo in gattile sono una garanzia sotto molti aspetti. Ogni gatto ha infatti una sua “cartella clinica” poiché all’arrivo in rifugio tutti loro vengono immediatamente portati dal veterinario. Sono quindi tutti sverminati e testati fiv-felv. Gli adulti sono anche già sterilizzati. Nella scelta saremo inoltre affiancati da volontari preparati a consigliarci il gatto più adatto al nostro stile di vita. Il contributo di tali strutture nel combattere il randagismo e l’abbandono è essenziale. Per questo, quando scegliamo di adottare un micio, rechiamoci in gattile!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso