26 Ottobre Ott 2017 1100 26 ottobre 2017

Cos'è il petauro dello zucchero

  • ...

Il Petauro dello zucchero è un piccolo marsupiale della famiglia dei Petauridi. In inglese è chiamato “Sugar glider” (aliante dello zucchero) e vive sulle cime degli alberi di Australia, Tasmania, Indonesia e Papua Nuova Guinea. E’ una creaturina di indole docile e dall’aspetto tenero poiché somiglia vagamente a uno scoiattolo. Infatti viene a volte confuso con lo scoiattolo volante.

Caratteristiche fisiche

Oltre ad essere un marsupiale, come abbiamo detto, il Petauro si caratterizza per essere dotato di una membrana elastica di pelle: il “patagio”, che si estende dagli arti posteriori a quelli anteriori che gli permette di fare planate anche di 70–80 m. In Petauro trascorre in effetti la sua vita a planare a terra dalle cime degli alberi per passare da una pianta all’altra. Il movimento che questi animali devono fare per spostarsi è molto suggestivo. La lunghezza delle loro planate si modifica in base a molti fattori: direzione, forza dei venti, altezza, ecc. Il calcolo per ottenere la planata viene eseguito dal Petauro in pochi secondi e il controllo direzionale è dato sia dall’inclinazione della membrana sia dalla lunga coda, usata come un timone. Si tratta di animali dalle abitudini notturne e crepuscolari. Ciò è sottolineato dai loro grandi occhi tondi.

Alimentazione e cattività

In natura questi splendidi animali si nutrono prevalentemente di frutta ma spesso la loro dieta è integrata con proteine animali mangiando insetti quali grilli, locuste o larve di coleottero. Se decidiamo di tenerli in casa dobbiamo sapere che la loro alimentazione in cattività va integrata anche con carbonato di calcio, perché non vada incontro a ipocalcemia e rachitismo. Oltre alla dieta è bene ricordare che in natura, il Petauro è un animale socievole che vive in gruppo. Pertanto se decidiamo farne un animale da compagnia pensiamo a comprane una coppia anche perché questo tipo di animale necessita di una gabbia e non può essere lasciato libero in casa poiché metterebbe a rischio la sua stessa incolumità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso