7 Ottobre Ott 2017 1700 07 ottobre 2017

Come mettere correttamente lo smalto alle unghie

  • ...

Colorarsi le unghie o realizzare su di esse una vera e propria “nail-art” è sempre più di moda e pertanto ci si aspetta che le donne abbiano sempre e comunque le unghie curate e colorate con nuance alla moda ma allo stesso tempo adatte alla pelle di coloro che le indossano. A una carnagione chiara si abbinano toni pastello, il classico rosso o il blu e il bordeaux. Per una pelle olivastra o abbronzata sono ideali il ruggine, il verde scuro, il grigio, l’oro, il viola e il marrone cioccolato. Per “indossare” correttamente lo smalto basta seguire una semplice procedura.

Preparare le unghie

Innanzitutto prepariamo le mani a mettere lo smalto. Se le unghie erano già colorate preoccupiamoci di eliminare qualunque residuo del vecchio smalto, poi sciacquiamo le mani e immergiamo le dita in una vaschetta di acqua calda e olio d’oliva in modo da ammorbidire le cuticole. Se dobbiamo accorciarle facciamolo con una lima (muovendola sempre nella stessa direzione per non sfaldare l’unghia) e non con la forbicina. Per avere unghie sempre al top e lo smalto perfettamente steso ricordiamoci di mettere sulle unghie una base trasparente (magari indurente e nutriente) che eviterà che le unghie ingialliscano a forza di mettere il colore.

Stendere lo smalto

Ora è il momento dello smalto colorato: non prendiamone troppo con il pennello perché rischierà di sbordare sulla pelle. Iniziamo stendendo una pennellata al centro dell’unghia e poi passiamo a coprire anche i due lati. Facciamo una seconda passata solo se il colore è troppo slavato. Quando le unghie saranno asciutte, per avere uno smalto perfetto e più duraturo stendiamovi sopra il toap-coat (le unghie risulteranno così anche molto lucide). Lasciamo asciugare lo smalto a lungo prima di metterci a fare qualsiasi attività. Se abbiamo molta fretta esistono in commercio spray asciuganti per smalto o appositi apparecchi “asciugasmalto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso