30 Maggio Mag 2017 1226 30 maggio 2017

Differenza tra anoressia, bulimia e obesità

  • ...

I DCA, disturbi del comportamento alimentare, sono delle vere e proprie patologie caratterizzate dall'alterazione delle abitudini alimentari nonchè da un'eccessiva preoccupazione per il peso e per la forma del corpo. Esse di solito colpiscono per lo più i giovani nella fascia adolescenziale e in particolare il sesso femminile.

I principali disturbi del comportamento alimentare sono: anoressia, bulimia e obesità

Anoressia, bulimia, obesità cosa sono

L’anoressia consiste nella perdita o riduzione dell’appetito. La persona anoressica pur essendo dimagrita e avendo un peso inferiore ai valori considerati normali continua a non accettare il suo corpo vedendosi sempre grassa. La scarsa alimentazione o addirittura il digiuno che ne scaturisce può provocare danni seri al sistema endocrino comportando nelle donne l’assenza delle mestruazioni con gravi conseguenze per la fertilità o aumentando il rischio di malattie al cuore, osteoporosi ecc. Colpisce soprattutto il sesso femminile nella fascia adolescenziale. Per chi scende sotto i 40 chili rischia la morte per complicanze cardiache. Ovviamente l’anoressia non va vista solo come un non piacersi esteticamente ma deve considerarsi un malessere interiore

La bulimia al contrario dell’anoressia, comporta invece un aumento irrefrenabile della fame che di conseguenza porta il soggetto che ne è colpito ad ingerire grandi quantitativi di cibo in maniera frettolosa. Dopo l’abbuffata però si manifesta la terribile paura di aumentare di peso, ciò porta il soggetto (anche in questo caso per lo più donne in età adolescenziale) ad indursi il vomito o ad alternare grandi mangiate con digiuni completi o ancora sottoporre il corpo ad eccessivo esercizio fisico. Danni che ne comporta colpiscono per la maggior parte l’apparato digerente con rischio di ulcere ed emorragie interne.

L’obesità può considerarsi anche essa una vera e propria malattia che colpisce soprattutto i paesi industrializzati e al contrario dell'anoressia e della bulimia ad esserne colpiti sono per lo più soggetti di sesso maschile e di diverse fasce di età. Si tratta in pratica di un aumento patologico del peso. Le cause sono da ricercarsi in modo particolare nelle abitudini alimentari sbagliate e in un’eccessiva sedentarietà, ma anche riconducibili a cause organiche come ipertiroidismo. In Europa si stima che più della metà della popolazione sia nella fascia di sovrapeso e che il 20/30% sia nella fascia di obesità. In Europa inoltre un bambino su 5 risulta essere in sovrappeso. L’incidenza di obesità è maggiore negli Stati Uniti dove la percentuale di soggetti in sovrappeso o obesi è doppia rispetto al continente europeo.

Per tutti e tre i casi trattandosi di disturbi seri è necessario ricorrere a piani terapeutici che includano interventi psicoterapeutici, endocrinologici, dietologi-nutrizionali, nonché farmacologici se necessario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati