18 Febbraio Feb 2017 1517 18 febbraio 2017

Com’è fatto il Sushi

  • ...

Il sushi è un piatto a base di riso, tipico della cucina giapponese, che oggigiorno è diventato davvero molto di moda.

Il desiderio crescente di scoprire sapori alternativi, lontani dalla nostra tradizione culinaria, associato alla ricerca di piatti semplici, sani e genuini senza però rinunciare al gusto, hanno sicuramente contribuito alla grande richiesta di questo piatto.

Nonostante sia sulla bocca di tutti, solo pochi conoscono realmente com’è fatto il sushi.

Sushi: riso, pesce e tanta fantasia

Per sushi si intende una serie di preparazioni che hanno come ingrediente di base il riso cotto, condito con aceto di riso, al quale in abbinamento vengono aggiunti alghe, verdure, uova di pesce e pesce solitamente crudo.

Per la preparazione del sushi viene utilizzato riso caratterizzato da chicchi piccoli, tondeggianti e con un’elevata capacità di rilasciare amido durante la cottura. L’amido, infatti, conferisce collosità al riso rendendolo facilmente manipolabile.

Il riso cotto è arricchito di sapore grazie all’aggiunta di zucchero, sale e aceto di riso, condimenti dai sapori molto contrastanti che, se sapientemente dosati, danno un gusto unico ed equilibrato.

Il riso così insaporito è assemblato per preparare dei bocconcini ai quali sono abbinati diversi tipi di ingredienti che possono essere cotti, crudi o marinati. Tipici sono le uova di pesce (salmone, capelano, pesce volante), fettine o pezzettini di pesce preferenzialmente crudo (salmone, diversi tipi di tonno, branzino, anguilla), molluschi e crostacei (calamari, polpo, gamberetti) nonché frutta, verdura e ortaggi (avocado, rapa, rafano, cetriolo) e la tipica alga commestibile Nori. Si tratta di alimenti che, se di buona qualità, oltre ad essere molto piacevoli e delicati nel gusto risultano invitanti anche alla vista poiché ricchi di colori che ben contrastano con il bianco del riso.

I diversi tipi di sushi

In base a come i vari elementi sono assemblati è possibile distinguere diverse tipologie di sushi. Degli esempi classici sono i nigiri, polpettine di riso sulle quali sono adagiate fettine di pesce; hosomaki, piccoli rotolini di riso avvolti nell’alga nori e ripieni di pezzettini di pesce; futomaki, assimilabili agli hosomaki ma di dimensioni maggiori e più ricchi nel ripieno; uramaki, rotolini di riso con il ripieno avvolto nell’alga nori.

Questi non sono che pochissimi esempi di quella che è la grande varietà che in realtà caratterizza il tradizionale ma anche fantasioso mondo del sushi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso