19 Giugno Giu 2017 1435 19 giugno 2017

Come fare il nocino

  • ...

Il nocino è un liquore originario della provincia di Modena che ha tradizioni popolari molto importanti.

Come la tradizione locale insegna, la preparazione di questo liquore inizia la notte del 24 giugno con la raccolta del mallo delle noci ancora acerbe che, dopo aver seguito un lento processo di lavorazione, favoriscono un gusto unico alla soluzione alcolica.

La data della raccolta delle noci richiama la notte di San Giovanni Battista, ricorrenza molto acclamata sia a Nord che a Sud d’ Italia e fortemente rispettata dai produttori storici del liquore che indicano in quella notte il rispetto dell'usanza di produzione del buon nocino.

Gli ingredienti alla base della ricetta sono semplici e il procedimento, oltre a subire un riposo d'infusione di 40 giorni, è molto pratico.

Ingredienti per preparare il nocino

  • 33 noci
  • 800 gr. di zucchero semolato
  • 1/2 lt di alcool
  • 400 ml di acqua
  • 6 chiodi di garofano
  • 4 limoni con buccia edibile
  • 1 stecca di cannella

Preparazione

Il segreto di un buon successo è alla base dell'ingrediente essenziale, ovvero le noci che non devono aver subito nessun tipo di trattamento chimico. Quindi, dopo essersi assicurati sulla provenienza, lavarle, asciugarle bene e dividerle in 4 parti.

Prendere una bottiglia di vetro con chiusura ermetica e con una capienza da 1lt circa. Inserire le noci nella bottiglia e versarci sopra l'alcool puro. Lasciare per 24 ore in infusione fino a che l'alcool non cambia colore grazie al processo di infusione con il mallo delle noci.

Dopo le 24h, preparare i limoni, tenendo in considerazione solo la parte esterna gialla, ovvero le bucce. Tagliare anch'esse in piccole parti ed aggiungerle insieme allo zucchero, ai chiodi di garofano, allo stecco della cannella e all'acqua nella bottiglia contenente l'acool e le noci.

Dopo che gli ingredienti risulteranno tutti all'interno della bottiglia, lasciare riposare per 40 notti, girando il composto anche 3 volte al giorno durante tutto il periodo d’attesa. Infine filtrare il tutto con l'aiuto di un colino e consumare dopo 6 mesi dalla colatura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso