8 Ottobre Ott 2017 1700 08 ottobre 2017

Cosa mangiare in thailandia

  • ...

La Thailandia è un paese sempre più conosciuto oltre che per le sue bellezza anche per la cucina caratterizzata dall’ampio uso di spezie e aromi che donano a tutti i piatti un sapore deciso e intenso. Esistono piatti “tipici” che però possono variare da zona a zona.

I piatti più noti

La preparazione più conosciuta e amata da turisti e thailandesi stessi è il “Pad Thai”. Si tratta di noodles (sorta di tagliolini larghi di riso) saltati nel wok assieme a pollo, gamberetti, uova, salsa di pesce e peperoncino. Spesso il piatto è guarnito con arachidi tritati e coriandolo. Un’altra ricetta molto apprezzata è il “Tom Yum Kung” o “Tom Yam Goong”, una zuppa, solitamente molto piccante, a base di gamberi, funghi, erbe, e talvolta frutti di mare. Se ne trova una versione simile ma con il pollo come ingrediente base. Infine vale la pena provare il “Som Tam” (o “Papaya salad”): un’insalata a base di papaya verde, salsa di pesce e arachidi. Le due varianti principali prevedono l'aggiunta di gamberetti o granchio. Si abbina molto bene al pollo e al riso cotto al vapore ma ne esiste una alternativa vegetariana, nella quale si sostituisce la salsa di pesce con quella di soia, senza aggiungere i gamberetti.

Sempre presenti

Vi sono due aspetti che caratterizzano la cucina thailandese (oltre alle spezie): il riso e il peperoncino. Il riso è in accompagnamento a quasi tutti i piatti. In genere si utilizzano due tipi di riso: il Riso Jasmine consumato maggiormente nel sud del paese e nelle zone centrali e lo Sticky Rice o riso glutinoso o Khao Niaw. È un riso molto ricco di glutine che si consuma in genere nel Nord e Nord Est del paese. Altra caratteristica della cucina thailandese è l’uso del peperoncino: i piatti thailandesi sono tutti più o meno piccanti. La piccantezza è in genere riportata nei menù e varia da: 3-4 peperoncini=poco piccante, a 7-8 peperoncini=molto piccante. Tenete presente che per noi europei il concetto thailandese di “poco piccante” è piuttosto relativo!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso