19 Febbraio Feb 2017 1506 19 febbraio 2017

Perché si chiama premio Nobel?

  • ...

Il premio Nobel è forse il riconoscimento più ambito al mondo, che viene consegnato ogni anno, il 10 dicembre, a Stoccolma e Oslo, rispettivamente in Svezia e Norvegia. Ma perché si chiama premio Nobel? Il nome si riferisce a Alfred Bernhard Nobel, vissuto tra il 1833 e il 1896, un chimico svedese. Un anno prima di morire istituì con il proprio testamento una fondazione, la quale ogni anno avrebbe dovuto premiare chi avesse reso i maggiori servizi all'umanità nel campo della fisica, chimica, medicina o fisiologia, letteratura, o a chi si fosse particolarmente distinto nel favorire le relazioni amichevoli tra i popoli. Questo fu possibile grazie all’immensa fortuna che Nobel accumulò tramite brevetti e collaborazioni industriali. Alfred è infatti l’inventore della dinamite e dalla balistite, un esplosivo da lancio

Un testamento che viene rispettato dal 1901

Il primo premio venne assegnato nel 1901 al chimico olandere Jacobus Henricus van 't Hoff, e da allora la fondazione non ha mai smesso il suo operato. Alfred Bernhard Nobel scrisse un testamento molto minuzioso. Non solo indicò i campi in cui le persone avrebbero dovuto ricevere un premio per il proprio contributo al mondo e alla società, Nobel spiegò altresì che i primi quattro premi fossero assegnati da enti svedesi: la Reale Accademia Svedese delle Scienze è incaricata di assegnare i primi per la fisica, la chimica e per le scienze economiche (premio istituito nel 1968); il Karolinska Institutet il premio per la fisiologia o la medicina; infine l'Accademia Svedese il premio per la letteratura.

Stoccolma o Oslo?

Mentre tutti i premi sono conferiti a persone fisiche, quelli per la pace possono essere assegnati anche ad associazioni e movimenti. In questo caso il Nobel per la Pace viene conferito da un apposito comitato istituito nel 1905 e viene consegnato a Oslo, a dispetto degli altri premi conferiti a Stoccolma. Infatti non era più possibile garantire che venisse assegnato da un comitato eletto dal parlamento norvegese, (come previsto nel testamento) poiché Svezia e Norvegia non furono più sotto la stessa corona come ai tempi in cui Nobel era ancora in vita. I desideri di indipendenza della Norvegia erano tangibili già a fine secolo, e alcuni pensano che questa “collaborazione” proposta dal chimico svedese rappresentasse un modo per scongiurare la separazione. La cerimonia avviene quidni in due città differenti, ma nello stesso giorno, il 10 dicembre, anniversario della morte di Alfred Nobel, mentre i nomi dei vincitori vengono resi noti già a partire da ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati