10 Aprile Apr 2017 1200 10 aprile 2017

Perché si dice medioevo ellenico

  • ...

Il termine “medioevo” è solitamente usato nel nostro linguaggio in modo non propriamente positivo. Pensiamo all’espressione inglese originaria: “dark age” (anni oscuri). Tuttavia sembra che anche la fiorente civiltà greca abbia avuto un suo periodo oscuro, il cosiddetto Medioevo Ellenico. L'espressione "secoli oscuri" divenne popolare con i libri degli anni ’70 The Dark Age di Snodgrass e The Greek Dark Ages di Desborough Che descrivono l'irrimediabile tracollo della civiltà micenea, avvenuta nel XIII secolo a.C., che venne conosciuta come "la catastrofe".

Medioevo e “giorni oscuri”: cosa accadde

Il Medioevo ellenico si incastra tra il XII e il VIII secolo a.C. i particolare con l'invasione dei popoli del mare, la successiva discesa dei Dori in Grecia e la fine della civiltà micenea. Ciò che avvenne in particolare fu la distruzione dei grandi palazzi micenei a causa degli incendi a Micene stessa, a Tirinto, a Pylos e a Tebe. Desborough e Snodgrass descrivono entrambi la perdita della scrittura e delle tecniche architettoniche più importanti. Durante questa epoca l'organizzazione statale micenea si frantumò e le condizioni di vita peggiorarono con un calo demografico drammatico e incessante povertà. Molte regioni si spopolarono, i commerci diminuirono, la popolazione, tornò alla coltivazione dei campi e all'allevamento del bestiame, l'arte inaridì la sua creatività. La lavorazione del bronzo scomparve, a causa della mancanza di contatti con l'esterno necessari per l'importazione, si sviluppò però la produzione del ferro. Rimase come traccia materiale della cultura dell'epoca solo la ceramica, con lo stile definito “geometrico”: per questo motivo, per designare questo periodo, si è diffusa l'espressione “età geometrica”.

Vero declino o cambiamento

Tuttavia i “secoli oscuri” dell’epoca greca furono forse un periodo di cambiamento più che di declino. Durante quest’epoca per esempio, e più precisamente attorno al 1050 a.C., si ebbe l'introduzione del ferro. Venne poi adottato l’alfabeto fenicio, che permise la trascrizione dell'apparato mitologico-religioso-culturale elaborato nel medioevo ellenico. Infine il dominio del re si indebolì a vantaggio dei nobili, i grandi proprietari terrieri che conquistarono un primato economico, militare e politico e, gradatamente, determinarono la scomparsa della monarchia e la nascita dell'aristocrazia. Ovunque il re, che ora veniva chiamato Basiléus, rimase in carica ancora per un certo periodo, ma solo come un primo tra gli uguali che governava sotto lo stretto controllo degli altri aristocratici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso