5 Febbraio Feb 2017 1150 05 febbraio 2017

Perchè si dice ok

  • ...

Il termine Ok o O.K. è una parola di uso piuttosto recente che ha però trovato una vastissima diffusione in tutti i Paesi occidentali. La parola è rappresentata dal gesto di unione a mò di cerchio del dito indice e del pollice con le restanti dita tese verso l’alto oppure dalla mano chiusa con il pollice rivolto verso l’alto. Il significato è quello di un assenso.

L’ipotesi più accreditata

Da dove deriva questo termine? L’ipotesi più accreditata è quella dell’origine statunitense della parola O.K. Dopo le battaglie, i militari americani facevano un giro di perlustrazione per contare o recuperare i soldati rimasti uccisi. Alla fine scrivevano su una bandiera il numero dei morti seguito dalla lettera K, iniziale di “killed” che in inglese significa "uccisi". Quando in rari casi nessuno era morto sventolavano la bandiera con scritto "O.K.", ossia zero uccisi.

Altre ipotesi

Un altro possibile significato è di origine russa. Il termine OK, deriverebbe dall'espressione "Ochen Korosho", che gli scaricatori di porto di Odessa utilizzavano per avvertire che il carico era stato messo a posto senza problemi. Altri sostengono invece l’appartenenza della parola Ok alla cultura Sioux (la tribù nativa americana) dove la parola Hoka hey (pronunciato Hokehey) significava "va bene", "si può fare”.

La diffusione

La diffusione di questo termine avviene in Italia alla fine degli anni Settanta con il proliferare delle radio private a opera di alcuni D.J., i quali abituati ad ascoltare canzoni inglesi adottarono questa locuzione utilizzandola in modo gergale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati