2 Aprile Apr 2017 0957 02 aprile 2017

Perchè si chiama equatore

  • ...

Inverno, Primavera, Estate, Autunno e ancora inverno. Sul nostro pianeta si osserva la ripetizione continua e ciclica delle stagioni ed inoltre quando nella parte nord del pianeta si è in una stagione calda come l’estate, nella regione sud si ha l’inverno. Tutto questo deriva dal fatto che la Terra ha una forma sferica e nel suo moto di rivoluzione attorno al sole non ha un asse perfettamente parallelo ai raggi solari che pervengono sulla superfice di questa; ha differenza dell’inclinazione dell’asse in alcuni luoghi i raggi illumineranno maggiormente. La circonferenza maggiore della superfice della terra si trova all’equatore, il parallelo zero che si trova perfettamente perpendicolare all’asse di rotazione e quindi equidistante dai poli. Il termine equatore deriva dal latino medioevale Aequatorem, declinazione del verbo aequare, letteralmente uguagliare, ma sta a significare un luogo dove il giorno dura lo stesso tempo della notte. Infatti quando ci si trova all’equatore il giorno dura dodici ore e la notte dodici ore per tutto l’anno e non vi sono differenze tra le stagioni. Più ci si allontana dall’equatore e si salve verso paralleli che si avvicinano ai poli, le giornate hanno una durata maggiore o minore a seconda della stagione: in estate quando le temperature sono più alte, le giornate sono più lunghe poiché i raggi solari arrivano con maggiore intensità, cosa che non accade in inverno dove le temperature e la durata del giorno si abbassano; fino ai poli dove in Estate si assiste a 24 ore di sole e d’inverno a 24 di notte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati