3 Aprile Apr 2017 1550 03 aprile 2017

Perché si dice a destra e a manca

  • ...

Tutti noi siamo abituati ad utilizzare l’espressione “a destra e a manca”: l’abbiamo sentita usare sin dai piccoli dai nostri nonni e dai nostri genitori, in quanto questo modo di dire ha sicuramente origini e utilizzi popolari, ma nel tempo è entrato nella lingua parlata comune ed è diventato il modo più frequente per indicare locuzioni come “dappertutto”, “in ogni direzione”. Spesso si sente dire “ho cercato a destra e a manca”, “mi sono spostato a destra e a manca”, “ho guardato a destra e a manca”, ma forse in pochi sanno veramente da cosa deriva questa espressione.

L’origine del modo di dire “a destra e a manca”

Come anticipato, quando si dice “a destra e a manca” si vuole dire “tutt’intorno”, “ovunque”, un po’ l’equivalente dell’altro modo di dire “a destra e a sinistra”. In verità “a destra e a manca” e “a destra e a sinistra” sono propriamente dei sinonimi: nell’italiano più antico la manca era il nome della parte sinistra o, più in generale, della sinistra, sempre preceduta dalle preposizioni “a” o “da”. Pensandoci bene, questo spiega perché il mancino si serve della mano sinistra e perché il francese, per diversi aspetti simile all’italiano, si serve della parola “manche” per nominare la sinistra.

Oltre alla conservazione dell’arcaismo “manca”, l’origine del modo di dire può ricercarsi anche in un’altra espressione, questa volta utilizzata frequentemente nel linguaggio marinaresco, in cui “a destra e a sinistra” si dice “a dritta e a manca”; la frase deriverebbe dai nomi delle due parti della barca: la dritta è la parte destra, la manca è, di nuovo, la parte sinistra. Si può pensare che il detto marinaresco sia stato parzialmente modificato trasformando la “dritta” in “destra” e mantenendo invece la “manca”. In generale, sia nel linguaggio comunemente impiegato che in quello dei marinai, il detto indica il movimento in qualsiasi direzione, rievocando un po’ la buona norma del guardare da ogni parte, “a destra e a sinistra”, quando ci si appresta ad attraversare una strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati