6 Aprile Apr 2017 1818 06 aprile 2017

Perchè si dice non c'è trippa per gatti

  • ...

Quante volte ci si è sentito rispondere "non c'è trippa per gatti"? Questa affermazione è maggiormente usata quando qualcuno si aspetta qualcosa o spera di riuscire in azioni contro la volontà di altri. Ci sono altre applicazioni di questo detto, come ad esempio, quella di far capire in maniera molto esplicita che non ci sono speranze affinché una determinata cosa venga concessa. Ma cosa significa?

Cosa vuol dire il detto "Non c'è trippa per gatti"

Non c'è trippa per gatti è un modo di dire romanesco, molto utilizzato, che sta ad avvertire che una determinata cosa non verrà mai concessa. Il suo utilizzo principale è quello di negare qualcosa a qualcuno, anche se spesso lo si può utilizzare anche per intendere che la persona che si ha davanti non è affatto al nostro livello. Questa diceria risale ai primi del 1900 quando, l'allora sindaco di Roma, Ernesto Nathan, eliminò l'acquisto di trippa, destinata, per l'appunto, ai felini, a causa del bilancio economico del Comune. Questo detto, inoltra, incita l'individuo a lottare al fine di perseguire i propri obiettivi, poiché nulla può piovere dal cielo. E' necessario, dunque, faticare, affinché si riesca a raggiungere gli scopi prefissati. Non c'è trippa per gatti, infatti, vuole intendere questo tra le righe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso