21 Maggio Mag 2017 2109 21 maggio 2017

Cosa fare se cade il sale

  • ...

La superstizione più famosa che indica sciagura? Sicuramente la caduta del sale. Che avvenga quando si è a tavola, o nel bel mezzo di una preparazione culinaria, i più creduloni si faranno prendere dal panico nell'immediato: far cadere il sale porterebbe a diversi anni di sfortuna e, se non si adotterebbero dei rimedi istantanei, il risultato sfocerebbe sicuramente in brutti episodi.

La nascita della superstizione

Ora nei supermercati è venduto per pochi centesimi, ma i nostri avi sanno bene quale valore possedesse il sale.
Gli antichi romani, in particolare i soldati, potevano scegliere di essere pagati con il sale proprio perché considerato spezia rara e di valore, paragonabile all'oro dei nostri giorni.
Ecco l'etimologia della parola salario, un guadagno che, se in qualche modo veniva perso, portava senza dubbio ad un impoverimento.
Gli usi moderni di questa spezia richiamano il solo utilizzo culinario, ma nell'antichità il sale significava soprattutto conservazione delle vivande e impieghi nel campo medico e curativo. Quindi era una vera e propria fortuna possedere il sale, e tanto più una sfortuna se questo addirittura veniva fatto cadere.

Rimedi per le superstizioni più classiche

Ecco i rimedi più conosciuti che annullerebbero gli effetti negativi:

  • se cade il sale, raccogliere i granelli e buttarne tre manciate dietro la spalla sinistra
  • se cade l'olio, buttarci sopra del sale per farlo assorbire
  • se uno specchio viene rotto, raccogliere velocemente i pezzi e gettarli in un corso d'acqua
  • se passa un gatto nero, fermarsi e attendere il passaggio di altri

Il potere della suggestione

Credere in particolari effetti di sciagura, dopo aver fatto delle azioni che tradizionalmente sono considerate portatrici di sventura (vedi la caduta del sale, la caduta dell'olio, la rottura di uno specchio), vuol dire farsi suggestionare da un pensiero collettivo che si è rafforzato nel tempo.
Funziona un po' così: si attiva una credenza quando vi può essere una coincidenza negativa, seguita da un'azione svolta.
Ecco che la persona allarma l'altra, e così, si crea una catena di passaparola, che potrebbe essere alimentata anche da episodi reali o di pura immaginazione, ma che assumono connotati importanti per la trasmissione del fatto. Il farsi suggestionare da una credenza significa accettare e credere in postulati che ha dettato l'uomo fin dall'antichità, per divertimento, per fomentare una paura, o addirittura per controllare le masse di individui.

E non è finita qui.
Il potere della suggestione risulta assai pericoloso: se si crede nella certezza della pena dopo l'azione sciagurata, allora si farà di tutto per non farla accadere. Si alzerà la soglia di attenzione, si faranno caso anche alle minime piccolezze che incentiveranno la credenza, e porteranno quindi ad uno stato di panico.
Dopo l'accaduto,si alimenterà un forte stress psicologico e la mente non raggiungerà più la serenità fin quando non si adotteranno tutte le tecniche per scongiurare il fatto.
Morale: Mai farsi influenzare da questi tipi di credenze popolari fomentate solo per avere un controllo mentale dell'individuo. Spesso sono solo sinonimo di ignoranza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati