4 Luglio Lug 2017 1137 04 luglio 2017

Perchè si chiama Fiume Azzurro

  • ...

Il Fiume Azzurro è il nome attribuito dalle popolazioni occidentali al fiume più lungo della Cina, il Chang Jiang. Oltre ad essere il maggiore fiume della nazione cinese, con il più grande bacino e più ampia portata, è considerato il 4° fiume più lungo del Mondo.

Origini del nome “Fiume Azzurro”

Il nome "Fiume Azzurro" deriva da un’espressione utilizzata dai turisti occidentali per descrivere la particolarità delle acque di questo fiume in alcuni suoi tratti. Il Fiume Azzurro detiene questo appellativo proprio perché, a differenza del Fiume Giallo che possiede fondali torbidi, ha un letto privo di detriti e argilla e la sua limpidezza, soprattutto alla luce del tramonto, riesce a far confondere i colori del cielo con quelli dell'acqua.

Descrizione del Fiume

Il Fiume Azzurro nasce a 4900 metri dalle montagne nord-orientali del Tibet, più precisamente dai ghiacciai dei Monti Tanggula e scorre a tratti in modo molto tortuoso, con una lunghezza di circa 6400 km. E' considerato un confine naturale che divide la Cina settentrionale da quella meridionale e più volte è stato luogo di scontri politici tra i due versanti. Il suo percorso volge a termine nella città di Shanghai con una foce a Delta sul Mare cinese Orientale.

Un po’ di storia

Ha storia, cultura e tradizioni molto risentite dalla popolazione cinese, che trae le sue origini dinastiche proprio dalle valli insediate nel Fiume Azzurro. Famosa la dinastia Han che contribuì fortemente allo sviluppo economico delle vicine località lungo il fiume per ben quattro secoli.
La Cina ha ben molto da riconoscere a questo fiume.

Il Fiume Azzurro presenta nei suoi confini un terreno molto fertile con coltivazioni abbondanti che producono quasi il 20% del prodotto interno lordo cinese. E' un fiume navigabile per migliaia di chilometri e viene utilizzato come ottimo conduttore di trasporto merci che raggiungono le principali località cinesi sulla riva del fiume, come le metropoli di Chongqing, Wuhan, Nanchino e Shanghai.

Condizioni del Fiume Azzurro oggi

Ad oggi, il Fiume Azzurro è conosciuto per le sue acque a forte tasso d'inquinamento. I danni ambientali si contano tutt’ora a causa dell'alto sfruttamento agricolo, degli insediamenti umani e dei diversi scarichi industriali che intasano il fiume soprattutto nei principali porti fluviali come quello di Chongquing.
Questo problema non arresta però il turismo internazionale che sceglie questo fiume per i suoi incantevoli paesaggi soprattutto sulle altitudini che raggiunge, facendo scoprire un ambiente incontaminato ricco di vegetazione e varietà animali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati