17 Agosto Ago 2017 0726 17 agosto 2017

Come si gioca a Jenga

  • ...

Il gioco Jenga si presenta facile e divertente e tanto coinvolgente da poter essere giocato sia da grandi che da piccini.

Leggi anche "Che giochi fare in casa con gli amici"

Deriva dallo Swahili dove Jenga vuol dire "costruire".

Venne commercializzato dalla Parker Brothers ed è un gioco originale che inizia costruendo una torre che sarà formata da tanti blocchi di legno.

Per giocare si rimuovono questi pezzi uno ad uno finché la struttura cadrà.

Quindi è d'obbligo fare un minimo di ragionamento per non indebolire ultreriormente la torre e bisogna avere una mano ferma quando si estrae il tassello dalla struttura stessa.

Come giocare

Per iniziare a giocare è necessario costruire una torre con i blocchi Jenga, impilandoli a tre, al fine di ottenere una bella costruzione composta da 18 piani.

La confezione contiene 54 blocchi, da utilizzare tutti o in parte. Ora la torre deve essere raddrizzata per bene e deve risultare stabile, senza che sia necessario reggerla.

Pareggiare i blocchi e radunare i giocatori che dovranno essere come minimo 2, anche se non c'è un numero massimo. Certo che essere in pochi è molto più divertente.

Come variante c'è quella di scrivere su ogni blocco una frase prima di costruire la torre.

I giocatori dovranno iniziare il gioco utilizzando una mano sola e prelevando dalla torre quei pezzi che non compromettono la struttura e che quindi hanno poco peso da reggere. I blocchetti estratti vanno poi riposti in cima alla torre formando sempre una griglia.

Ma la torre, durante il gioco, diventerà più alta e più instabile, e poi ad un certo punto cederà.

Si gioca fino al momento inaspettao del crollo e perde la partita chi la fa cadere.

A questo punto, si può sempre cominciare un'altra partita ripristinando una nuova torre per divertirsi ancora insieme agli amici. E per non annoiarsi mai ecco altri giochi da tavolo come Hotel o il Paroliere per trascorrere dei pomeriggi o delle serate all'insegna del buon umore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso