19 Novembre Nov 2017 1600 19 novembre 2017

Perchè la crinolina era pericolosa

  • ...

La crinolina era un accessorio essenziale della moda della seconda metà dell’’800. Si trattava di una gabbia stretta in vita che si allargava verso basso e si metteva sotto le gonne per sostenerle rendendole più ampie. Insieme al corsetto, veniva usata per mettere in risalto la vita stretta. Per questo motivo, nonostante i dottori sconsigliassero l’uso del corsetto che stringeva troppo la cassa toracica, le donne desideravano tutte questo accessorio.

L’utilizzo e le caratteristiche

La crinolina può essere inserita come oggetto della biancheria intima delle donne dell’epoca Vittoriana. Generalmente veniva indossata in questo modo:

  • Sulle gambe si indossavano mutandoni di pizzo lunghi fino alla caviglia
  • Sopra si allacciava la gabbia della crinolina
  • Si copriva poi con una sottana di flanella, tre sottane di percalle e quattro di mussolina inamidata.

La rigidità di questo accessorio era piuttosto problematica sia per sedersi che per passare in spazi stretti, quali le porte per esempio. Tuttavia la pericolosità derivava dai materiali di cui era costituita. La gabbia della crinolina era composta infatti da crine di cavallo, ossa di balena e cerchi d’acciaio.

Un accessorio di morte

I materiali di cui era costituita la crinolina rendevano questa struttura molto pericolosa perché facilmente infiammabile. Le donne alle quali prendeva fuoco la gonna posta sopra la crinolina morivano arse vive in pochi minuti poiché se strappare una veste semplice è un atto veloce, staccare l’intera impalcatura della crinolina era praticamente impossibile.

Gli incidenti avvenivano nelle situazioni più diverse: in casa per la troppa vicinanza al camino, ma anche fra le ballerine sul palco se una gonna lambiva una luce di scena. In Inghilterra in due soli mesi vennero registrate 19 morti “per crinolina”. Mentre un articolo del New York Times riporta che nel 1864 morirono in totale 40.000 donne in tutto il mondo a causa di crinoline che avevano preso fuoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso