8 Agosto Ago 2017 1932 08 agosto 2017

Ape social come funziona

  • ...

Una delle novità recenti più importanti sul piano previdenziale è stata sicuramente l'introduzione dell'Ape social, ovvero l'anticipo pensionistico pensato per i disoccupati e altre categorie di soggetti che sono in una situazione complicata e che hanno bisogno di un'indennità erogata dallo Stato fino a quando avranno maturato i requisiti per ricevere una “normale” pensione. Non tutti però sanno come funziona l'Ape social e a chi è rivolto.

Chi può beneficiare dell'Ape Social?

L'indennità viene erogata a favore di determinate categorie di soggetti che hanno già raggiunto i 63 anni di età ma che non sono ancora titolari di una pensione diretta. Si parla di una misura sperimentale che è entrata in vigore dal primo maggio 2017. L'Ape social può essere richiesta dai lavoratori iscritti all'Assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti che sono disoccupati (e che non percepiscano più da almeno tre mesi la prestazione di disoccupazione), che assistono il coniuge o un parente di primo grado con grave handicap, che sono invalidi civili con un'invalidità dal 74% in su, o che sono dipendenti che svolgono o hanno svolto per almeno sei anni di fila una delle attività considerate gravose e pericolose indicate dal decreto del Presidente del Consiglio 88/2017.

Come funziona la prestazione

Se vengono riscontrati tutti i requisiti necessari, l'Ape social decorre dal primo giorno del mese dopo la presentazione della domanda. L'indennità viene erogata ogni mese per 12 mesi all'anno fino al momento in cui si raggiunge l'età prevista per la pensione di vecchiaia oppure fino a quando non si ottiene un trattamento pensionistico diretto anticipato. L'importo dell'Ape social equivale all'importo dell'assegno mensile pensionistico calcolato al momento dell'accesso alla prestazione, ma non può superare i 1.500 euro. Durante il periodo di godimento dell'Ape social non spetta la contribuzione figurativa e in caso di decesso del beneficiario non c'è reversibilità per i superstiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso