3 Maggio Mag 2017 1133 03 maggio 2017

Come seminare il prato

  • ...

In primavera sboccia la natura e con lei torna a galla la passione per il giardinaggio di tantissime persone: questa stagione è anche quella più usata quando si vuole seminare un nuovo prato; in questo articolo verrà data una risposta a chi si chiede come seminare il prato e verranno elencati i principali passaggi da seguire per completare l'operazione.

Le fasi dalla preparazione del terreno alla semina

La prima cosa da fare sarebbe il diserbo del terreno, in modo da debellare le infestanti anche in profondità; il consiglio che molti fanno è quello di utilizzare diserbanti naturali; una volta che tutta la vegetazione si sarà seccata bisognerà rimuovere i residui ed iniziare la lavorazione del terreno. Consiste proprio in questo la seconda fase di questa mini guida su come seminare il prato: un terreno particolarmente compatto dovrà essere vangato e poi fresato per rendere lo strato superficiale omogeneo e, all'occorrenza, intervenire per equilibrarne le caratteristiche chimico-fisiche.

Quando il terreno è livellato bisogna stendere uno strato di terriccio specifico per prato (circa tre o quattro millimetri); non è strettamente necessario, ma è un passaggio fortemente consigliato dagli esperti. Per la semina si dovrebbe utilizzare una seminatrice da prato, ma si può fare anche a mano, cercando ovviamente di distribuire i semi in maniera uniforme. Dopo si deve rullare il terreno per assicurarsi che il seme entri in contatto con il suolo (evitando anche che la pioggia lo bagni troppo o che il vento lo sposti) e per compattare il terreno. Ora si è pronti per la distribuzione del concime.

Come seminare il prato: gli ultimi passaggi

Terminati tutti questi passaggi, prima di poter dire di essere riusciti a seminare il prato, bisogna bagnare il terreno con poca acqua ma più volte al giorno: il terreno infatti deve rimanere costantemente umido fino al completamento della germinazione, che avviene di solito entro cinque o dieci giorni. In seguito l'irrigazione sarà quotidiana fino a quando l'erba non sarà alta circa dieci centimetri (di solito occorrono più o meno quattro settimane), quando sarà arrivato il momento del primo taglio, seguito eventualmente da una concimazione di supporto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso