1 Giugno Giu 2017 1138 01 giugno 2017

Cosa usare per aerosol bambini

  • ...

Tra le terapie più efficaci, l’aerosol è il metodo molto usato per la cura di patologie bronchiali sia per gli adulti che per i più piccini.

Di cosa si tratta

L’aerosol è una tecnica che consiste nell’utilizzo di un apparecchio in grado di disperdere tramite un tubicino le sostanze liquide o solide dopo averle trasformate in piccole particelle. La stessa parola sol, definisce lo stato in cui si trova cioè quello stato intermedio tra il liquido e l’aeriforme. Il liquido è composto da uno o più farmaci che si presentano come una nebbiolina, la quale durante la respirazione fa si che il farmaco arrivi direttamente e vada ad agire sui bronchi.

Questo metodo permette anche la riduzione degli effetti collaterali rispetto ad un farmaco iniettato per via orale.

Aerosol nei bambini: come e cosa usare

La terapia inalatoria è anche e soprattutto indicata per i bambini in caso di patologie delle vie respiratorie.

Affinché la terapia sia efficace:

  • un'ottima igiene dell’apparecchio prima dell’utilizzo sarà la prima cosa di cui preoccuparsi;
  • far respirare il bambino con la bocca se si tratta di infezioni delle basse vie respiratorie quali bronchite, broncopolmonite, broncospasmo ricorrente o ad esempio in caso di asma bronchiale;
  • far respirare il bambino invece con il naso se si tratta di infezioni delle alte vie respiratorie quali rinite, sinusite, tracheite;
  • se si usa il boccaglio inserirlo tra i denti del bambino e fargli chiudere forte la bocca;
  • se si utilizza la mascherina mantenergliela ben aderente al volto;
  • la durata dell’inalazione dovrebbe essere di 5/10 minuti, a fine terapia far sciacquare la bocca al bambino per eliminare residui di farmaco;
  • lavare con attenzione l’apparecchio usando l’acqua calda e nessun detersivo.

I medicinali da utilizzare saranno quelli specifici per l’aerosol; quelli più comunemente utilizzati sono:

  • broncodilatatori
  • anti-batterici e anti-infiammatori
  • acque minerali

Da ricordare che alcuni necessitano la diluizione in soluzione salina altri no.

La terapia risulterà poco efficace se il bambino durante l’inalazione sarà inquieto o se verrà fatta mentre dorme

Mito da sfatare

Nonostante la grande efficacia di questo metodo terapeutico bisogna sfatare un mito:oggi mamme e papà ad ogni piccolo sintomo sono portati infatti all'utilizzo dell’apparecchio per semplici tossi o raffreddori, è diventato quasi una sorte di sostituto pediatra h24. Esperti sostengono che sia alquanto inutile per i classici mali di stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati