15 Settembre Set 2017 1100 15 settembre 2017

Come fare massaggio pancia neonato

  • ...

Il massaggio praticato sul pancino del bimbo appena nato è un’ottima soluzione per risolvere due tipi di problematiche piuttosto comuni nei primi mesi di vita del piccolo: la stitichezza e le coliche gassose. Questa pratica, sempre più diffusa, va effettuata, dietro consiglio del pediatra, con molta tranquillità pur seguendo alla lettera i consigli del medico. Il giovamento che se ne ottiene non è solo per il bambino ma anche per i neo genitori che possono sentirsi sollevati da ansie eccessive.

Di cosa soffre il piccolo

I neonati, in taluni casi, possono soffrire di una sorta di lieve forma di stitichezza. Avviene quando il bimbo non evacua per 2-3 giorni consecutivi e quando lo fa, implica un grande sforzo per poi vedere come risultato feci secche o dure. Solitamente non è nulla di grave e basta pertanto praticare un semplice massaggio per stimolare lo sfintere, che il bambino così piccolo non sa ancora controllare. Per questo è una tecnica che andrebbe ripetuta giornalmente, anche in via preventiva, per evitare che l’intestino impigrisca. Problema molto più diffuso tra i neonati sono le coliche gassose. Avvengono quando il bimbo inizia a piangere, a lungo, intensamente, senza un apparente motivo; stringe i pugnetti e flette le gambe sull’addome. In questo caso con il massaggio possiamo aiutare il bambino a espellere l’aria che è la causa del dolore.

Come praticare il massaggio

Il massaggio classico per alleviare il mal di pancia del neonato va praticato spogliando il bambino e ponendolo supino su un letto o il fasciatoio, in un ambiente caldo. Dopo essersi bagnata le dita con dell’olio per bambini (olio di mandorle, olio d’oliva o crema leggera per neonati) per ridurre l’attrito della pelle, la mamma effettuerà con delicatezza un massaggio circolare in senso orario sulla pancia del piccolo. In un secondo momento si dovranno muovere dolcemente le gambette del bambino seguendo il classico movimento della bicicletta, progressivamente portando le ginocchia al petto e poi distendendole. Un’alternativa può essere quella di appoggiare la mano sinistra in cima alla pancia e massaggiare verso il basso e subito dopo fare la stessa cosa con la destra. Anche in questo caso andranno poi alzate le gambine con le ginocchia verso la pancia per espellere l’aria. I movimenti vanno ripetuti una decina di volte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso