22 Febbraio Feb 2017 1140 22 febbraio 2017

Come fare acrobazie con lo skateboard

  • ...

Lo skateboard è uno dei divertimenti più diffusi tra i ragazzi di tutto il mondo e alcune acrobazie che si riescono ad eseguire sono veramente belle e coinvolgenti. Ovviamente non tutti riescono ad arrivare alle stesse capacità di destreggiarsi con esso, ma le figure che si possono eseguire sono davvero tante e adatte ai più disparati livelli di abilità.

Acrobazie di base

Una volta imparate le basi, come l’equilibrio, la postura, l’andatura, la spinta, l’arresto, le curve, si può iniziare a sperimentare qualcosa di un po’ più difficile: un primo punto di partenza può essere il kickturn, un giro in aria del corpo e dello skateboard di 180°, piegandosi all’indietro e sollevando le ruote da terra; un’altra figura basilare, su cui costruirne poi di più complesse, è l’ollie, un salto con lo skateboard attaccato ai piedi, facendo leva sul tail della tavola e piegando le ginocchia per ammortizzare l’atterraggio; oltre all’ollie esiste il nollie, quando si alza la parte anteriore dello skateboard, anziché quella posteriore.

Tra le altre acrobazie che si possono imparare ci sono il manual, piegando il corpo all’indietro e sollevando le ruote anteriori, duranti l’andatura e il 180, già più complesso, in quanto è un ollie con una rotazione di 180° in aria. Apprese queste figure di base si possono apportare delle varianti ed iniziare con un po’ di freestyle, ruotando di 360° anziché di 180°, modificando gli atterraggi, creando combinazioni tra le varie acrobazie.

I Flip Trick

I Flip Trick sono delle acrobazie in aria un po’ più difficili: il kickflip è praticamente un ollie in cui si calcia la tavola dal lato dove poggiano i talloni mentre si salta, per far fare un giro alla tavola mentre si salta; il pop shove-it è simile al kickflip, con la differenza che non si fa girare la tavola, ma la si fa ruotare di 180° in volo, accompagnando lo skateboard col piede; l’heelflip è l’opposto del kickflip, in quanto si fa ruotare la tavola col piede dietro, invece che col piede avanti; il 360° è molto complicato e richiede un tempismo perfetto, ma è molto bello da vedere, in quanto completa il kickflip e prevede una rotazione della tavola di 360°.

Slides e Grinds

Slides e Grinds sono le figure che si servono di altre superfici per rendere più entusiasmanti le acrobazie: il 50/50 grind prevede un salto su una superficie parallela durante l’andatura, mantenendo i piedi attaccati allo skateboard; il nose grind assomiglia al 50/50 grind, ma prevede l’andatura sulle sole ruote anteriori dopo l’atterraggio sulla superficie parallela; il boardslide consiste nel saltare con lo skateboard su un corrimano o su una sporgenza simile e scivolarci sopra, senza l’utilizzo delle ruote.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati