13 Marzo Mar 2017 1030 13 marzo 2017

Come fasciare un dito della mano

  • ...

Succede spesso di aver bisogno di dover fasciare le dita della mano: sono a rischio di tagli, graffi e ferite. Proprio per questo è bene sapere come fare, anche perché non è sempre necessario l’aiuto del medico, spesso lo si può fare da soli.

Prima di fasciare il dito

Prima di fasciare il dito lesionato, assicurarsi di pulire bene la ferita con acqua fresca e garze sterili e ripulendo eventuali residui. Sempre in caso di ferito o di taglio, è bene applicare prima della fasciatura un cerotto.

Come fare la fasciatura al dito

Se il dito da fasciare ha subìto un taglio lieve, scegliere una benda leggera e traspirante che serva a evitare che la zona si infetti e favorisca la guarigione. In caso di una lesione più grave invece va preferita una più pesante per prevenire eventuali infezioni e proteggere l'area lesionata.

Prima della fasciatura, applicare sul dito o una garza o un cerotto, affinchè il contatto non sia direttamente tra benda e dito.

Dopo che si è iniziato a fasciare, assicurarsi che non sia troppo stretta, per non impedire la circolazione sanguigna, ma nemmeno troppo blanda affinché mantenga la medicazione al suo posto.

Una volta terminato il giro della fascia intorno al dito, vanno tolte eventuali parti non fissate. E’ bene quindi o tagliare le estremità oppure fissarle al bendaggio. Se si impigliano o restano incastrate in qualcosa, potrebbero causare dolore o ulteriori danni.

A meno che non sia necessario, è bene lasciare l’estremità del dito scoperta.

Per una fasciatura perfetta, si consiglia di leggere la scheda tecnica dell'Asl di Torino realizzata per il corso sui bendaggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati