27 Marzo Mar 2017 1244 27 marzo 2017

Quali dati servono per ricaricare la postepay

  • ...

La Postepay è una carta prepagata che è stata lanciata sul mercato nel 2003 dalle Poste Italiane che è utilizzabile sia su suolo italiano che anche all’estero. Ma il principale campo di utilizzo di tale strumento è per l’acquisto di beni su internet. Il costo di tale carta è di cinque euro e può essere posseduta anche senza aprire un nuovo conto corrente o avere già un proprio conto. Per mantenere in vita tale carta prepagata non è necessario pagare un canone annuale; per fare una ricarica su Postepay è necessario avere il codice della carta di 16 cifre che si trova sul fronte della stessa e il nome e cognome dell’intestatario. Con tali dati è possibile ricaricare autonomamente la carta o fornire tali dati per farsi ricaricare la prepagata. La ricarica può avvenire direttamente in posta compilando un apposito modulo che dovrà essere consegnato successivamente insieme alla carta d’identità e il codice fiscale, pagare l’importo che si vuole mettere sulla carta più un euro per il servizio. E’ anche possibile ricaricare la Postepay tramite Postemobile o la sim di Poste italiane collegata al conto corrente postale. Un ultimo modo per la ricarica è quello tramite il sito di poste italiane, anche in questo caso pagando un euro di commissione. Con tale carta è anche possibile il prelievo di soldi presso gli ATM di Poste Italiane o gli ATM bancari del circuito Visa Electron, sia in Italia, che nei paesi dell’eurozona che all’estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso