30 Aprile Apr 2017 1713 30 aprile 2017

Come configurare Outlook

  • ...

Microsoft Outlookè un programma di gestione della posta elettronica tra i più apprezzati e sviluppati al mondo. Oltre a funzionare come una casella di posta da cui inviare e leggere email permette di controllare appuntamenti sul calendario, creare una rubrica di contatti, fare una newsletter e molto altro. La grafica di Outlook è molto professionale, ma in realtà utilizzarlo è molto semplice.

Come si avvia e si utilizza Outlook

Quando si avvia Outlook la prima volta il programma richiede automaticamente l’impostazione di un account email con una procedura guidata, selezionando aggiungi account nel menu file. Nella pagina che compare bisogna digitare nome, indirizzo di posta elettronica e password, il programma farà da solo tutto il resto.

Se la configurazione non avviene autonomamente, la si può completare manualmente selezionando configura manualmente le impostazioni del server e scrivendo gli indirizzi dei server da utilizzare. Per chi non sa quali sono i dati del proprio provider di posta elettronica, si può provare a cercare sul sito ufficiale, dove generalmente sono offerte tutte le informazioni necessarie. In alcuni casi, come per Windows Live Hotmail, viene richiesto di installare dei plug-in aggiuntivi, comunque leggeri e per nulla invasivi.

Per mandare un email a un qualsiasi destinatario si deve cliccare su nuova e iniziare a compilare il form: nel primo spazio va inserito l’indirizzo email del destinatario o dei destinatari, se ce ne sono più di uno; nel secondo spazio si può inserire, a discrezione, l’oggetto dell’email; nel terzo spazio, quello più ampio, va scritto il contenuto dell’email. Infine in basso si trova una barra con diversi pulsanti, che servono a personalizzare l’email con allegati, emoji o importazioni di formattazione personalizzate.

Completata la configurazione di Outlook si può cominciare a sfruttarne le funzionalità per gestire tutte le email in entrata e in uscita. Col tempo i messaggi scaricati appesantiscono il database del programma, quindi è necessario mettere mano periodicamente alla sezione archiviazione dei messaggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso