30 Maggio Mag 2017 0852 30 maggio 2017

Cosa fare se la lavanderia rovina un capo

  • ...

E’ stato acquistato un capo d’abbigliamento con un tessuto particolare e/o di valore, pertanto si preferisce affidarsi a dei professionisti per un lavaggio in tutta sicurezza, ma nonostante le dovute raccomandazioni, al momento del ritiro presso la lavanderia, si nota che tale capo di abbigliamento è stato irreparabilmente danneggiato. Quali sono le responsabilità della lavanderia? E’ possibile chiedere il risarcimento? E se sì in che modo? Ecco come far valere i propri diritti.

Obblighi del cliente al momento della consegna del capo da lavare

Al momento della consegna del capo d’abbigliamento da lavare, il cliente è tenuto ad indicare tutte le informazioni riguardanti: macchie, usura, pregio e tessuto oltre a farsi rilasciare dalla lavanderia la ricevuta nella quale deve essere indicata la data e una descrizione (anche sommaria) dell’indumento.

Obblighi della lavanderia al momento del ritiro del capo d’abbigliamento da lavare

Al momento del ritiro dell’indumento da lavare, la lavanderia deve osservare in maniera scrupolosa tutte le informazioni/indicazioni riportate sull’etichetta. Nel caso in cui quest’ultima non fosse presente, la lavanderia è tenuta a comunicare immediatamente eventuali dubbi (preferibilmente per iscritto) e i rischi possibili al cliente, dando la possibilità di accettare o meno di lasciare il capo.

Come chiedere il risarcimento in caso di danneggiamento del capo

Per poter chiedere il risarcimento per il danno causato dalla lavanderia, è bene innanzitutto controllare il capo subito al momento del ritiro e non dopo essere arrivati a casa.

Nel caso in cui la lavanderia si offrisse di riparare il capo (ove possibile), è consigliato farsi lasciare una dichiarazione scritta di quanto avvenuto e fotografare i punti danneggiati, per poter dimostrare ulteriori danni in caso di riparazione mal eseguita.

Se non si desidera lasciare il capo per essere riparato, è necessario inviare una raccomandata a/r alla lavanderia, entro 8 giorni lavorativi, nel quale bisogna specificare quanto avvenuto, per ottenere un risarcimento (non superiore al valore effettivo del capo).

Se la lavanderia è assicurata, la raccomandata a/r dovrà essere indirizzata alla compagnia assicurativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati