11 Luglio Lug 2017 1722 11 luglio 2017

Come bruciare l'incenso in casa

  • ...

L’incenso è un metodo di profumazione per ambienti che risale sin dall’antichità. Il suo utilizzo è stato, nel corso del tempo, sempre legato alla religione e alla spiritualità: pensiamo alla sua presenza dei templi, dalle Chiese ai templi buddisti. Recentemente però c’è stata sempre maggiore richiesta di forme di incenso utilizzabili nell’ambiente domestico. Grazie alla numerosa varietà di profumazioni, quella di accendere l’incenso in casa è diventata ormai una moda. E’ bene spiegare però come si usa poiché si tratta pur sempre di una sostanza che brucia.

Le forme più semplici da usare

L’incenso viene venduto in molte forme e fra queste noi dovremmo scegliere quella più congeniale e sapere bene come farne uso. La forma più diffusa di incenso è quella in bastoncini. Presenti in tantissime profumazioni (dalla rosa, al più classico sandalo, ecc.) sono anche i più semplici da usare. Basta scegliere un bastoncino e infilarne l’estremità più sottile nel buco di porta incenso. I porta incenso sono dei supporti a forma allungata con un incavo al centro per raccogliere le ceneri. Si presentano in diversi materiali come ceramica o bronzo. Una volta inserito nel foro il bastoncino, questo va acceso con un fiammifero. Si formerà una fiamma che andrà soffiata dopo pochi secondi lasciando così partire un filo di fumo che si diffonderà nella stanza fino all’esaurimento del bastoncino stesso. Le procedure per l’accensione dell’incenso sono le stesse anche nel caso decidessimo di usare i coni al posto dei bastoncini. In questo caso però non useremo un porta incenso allungato, ma appoggeremo il cono su un supporto più largo, magari rotondo o rettangolare purché sia sempre di materiale ignifugo. E’ importante controllare, prima di buttarlo via, che l’incenso sia davvero completamente spento.

Il metodo più antico: l’incenso in grani

Un modo antichissimo per profumare un ambiente, è quello di usare l’incenso in grani. Per far sciogliere i grani che emaneranno il profumo si può usare il carboncino: si tratta di dischi rotondi che vanno accesi con una candela o un accendino. Quando il carboncino avrà un alone rosso significherà che si sta accendendo. A quel punto possiamo adagiarlo sulla sabbia o su un piatto e porvi sopra i grani di incenso. Esistono in commercio anche dei bracieri fatti apposta per contenere il carboncino senza pericoli. Un altro modo per sciogliere i grani di incenso è quello di usare un “bruciaresine a candela” (utile anche per bruciare gli olii essenziali). I grani andranno semplicemente posti in una sorta di piattino posizionato sopra una candela (di solito un cerino) e scaldandosi emaneranno il loro profumo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati