10 Agosto Ago 2017 1446 10 agosto 2017

Come fare voltura acqua

  • ...

Quando ci si trasferisce in una nuova casa ma la bolletta dell'acqua è ancora intestata ad un'altra persona è necessario contattare il gestore idrico per richiedere la voltura: il fruitore del servizio infatti ha l'obbligo di comunicare al gestore tutte le variazioni nella titolarità dell'utenza, quindi è giusto conoscere come fare la voltura dell'acqua.

Leggi anche "Come fare voltura luce e gas"

Come contattare il gestore per fare la voltura dell'acqua

A differenza di quanto accade per la luce e per il gas, ogni Comune ha un unico gestore che si occupa del servizio idrico, quindi non sarà difficile individuare a chi inoltrare la richiesta di cambio di intestazione del contratto di fornitura. Ci si può mettere in contatto con il gestore utilizzando diversi canali: è possibile andare presso gli sportelli presenti sul territorio oppure sfruttare fax, email e, spesso, il numero verde.

Per fare la voltura dell'acqua è necessario procurarsi alcuni dati e documenti: per procedere infatti servono i dati anagrafici dell'attuale intestatario, quelli del nuovo intestatario, l'indirizzo di fornitura, i dati sull'utenza idrica, la destinazione d'uso, la lettura del contatore e il documento di identità del nuovo intestatario. Bisogna poi procurarsi il modulo per inviare la richiesta (si può trovare agli portelli fisici o si può scaricare dai siti web ufficiali del gestore).

Il modulo e i costi della voltura

Il modulo interamente compilato e il documento di identità devono essere consegnati (a mano presso gli sportelli o tramite email o fax) al gestore, che procederà con il cambio di intestazione. La voltura della bolletta dell'acqua purtroppo ha dei costi (diritti di amministrazione e contributo per la lettura del contatore se non si comunica l'autolettura); di norma la voltura avviene entro cinque giorni lavorativi dal momento in cui viene ricevuta la documentazione richiesta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso