20 Agosto Ago 2017 1023 20 agosto 2017

Consigli per anziani estate

  • ...

L’estate è una stagione sicuramente piacevole, per le giornate lunghe e il caldo prolungato, che permette di trascorrere le giornate al mare o all’aria aperta, tuttavia le temperature elevate possono creare anche parecchi problemi.

A risentire maggiormente degli effetti del caldo sono senza dubbio gli anziani, che devono sempre fare attenzione alla propria salute e prevenire ogni possibile problema.

Seguendo pochi semplici consigli è possibile evitare disidratazione, colpi di calore e altri disturbi che possono intaccare le già ridotte capacità dell’organismo dei più attempati.

Dentro casa

Quando si sta in casa è necessario arieggiare le stanze nelle ore fresche, chiudendo invece ogni finestra nelle ore calde; in generale è bene rimanere nella stanza meno esposta ai raggi del sole e alle correnti d’aria.

L’utilizzo di un climatizzatore potrebbe essere una buona scelta, ma bisogna evitare di creare sbalzi di temperatura eccessivi rispetto all’esterno, l’ideale sarebbe avere una temperatura interna di circa 5 gradi inferiore rispetto a quella esterna, deumidificando gli ambienti.

Se invece si usa un ventilatore, si deve evitare un flusso diretto verso il basso; quando fa molto caldo, utilizzare un ventilatore spesso surriscalda la stanza.

Leggi anche "Come stare freschi in casa"

Fuori dalla casa

Se si vuole fare una passeggiata o si deve sbrigare qualche compito è meglio uscire al mattino preso o dopo il tramonto, evitando categoricamente di uscire tra le 11 e le 17, quando fa caldo, l’aria è più inquinata e la protezione dai raggi UV è minore.

Per uscire bisogna indossare vestiti comodi, leggeri, chiari, non aderenti, meglio se in cotone, lino o fibre naturali.

Testa e occhi vanno protetti con cappelli e occhiali da sole e soprattutto i diabetici devono stare attenti, perché la loro sensibilità al dolore è minore, quindi aumentano le probabilità di ustione senza accorgersene.

Cosa mangiare o bere

Innanzitutto è fondamentale fare uscire il meno possibile e comprare quante più cose possibile, fino ad avere la dispensa piena.

Bere molta acqua o altre bevande poco zuccherate, anche quando non si ha sete, è fondamentale; la sete è già un primo segnale di disidratazione, quindi sarebbe bene evitare di avere troppo spesso questo stimolo.

È importante bere almeno due litri di acqua al giorno, meglio se dosati, magari in 10 bicchieri. Alcolici e caffe andrebbero evitati, mentre i pasti devono essere leggeri e frequenti; frutta e verdura devono essere consumati regolarmente, magari sotto forma di frullati, sorbetti o gelati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso