20 Marzo Mar 2017 1901 20 marzo 2017

Anni di bollo auto non pagato, cosa accade

  • ...

Il bollo auto è una tassa legata al possesso (e non alla semplice circolazione) di un veicolo. Si tratta di una somma da pagare ogni anno per un ammontare che dipende da diverse variabili, che dipendono ad esempio dalla Regione in cui ci si trova, il tipo di veicolo, la cilindrata, l’eventuale mora per ritardi sul pagamento e così via. Può capitare però di dimenticarsi di pagare la tassa anno dopo anno, oppure che si scelga addirittura di evadere illegalmente la tassa.

Ravvedimento operoso e multe

Se ci si accorge di non aver pagato il bollo auto entro un anno, si può fare ricorso al ravvedimento operoso, che consente di pagare una cifra limitata per le sanzioni. Se invece il ritardo è superiore a un anno, arriva la vera e propria multa, che è pari al 30% del bollo da pagare più un ulteriore interesse dello 0,5% per ogni 6 mesi di ritardo in più.

Cosa succede se si continua a non pagare

Le richieste di pagamento del bollo da parte della Regione, che è l’ente titolare del credito, devono essere inviate entro tre anni a partire dall’anno successivo a quello in cui il pagamento doveva essere effettuato. Se l’inadempimento si protrae, si procede con l’istruzione a ruolo dell’importo, con invio di una cartella di pagamento. Se il proprietario dell’auto continua a non pagare, lo Stato, attraverso i suoi organi di riscossione, può procedere al pignoramento del conto corrente, della pensione, dello stipendio o (molto più raramente) dei beni mobili, mentre non è possibile il pignoramento della casa o all’ipoteca. Tra le misure più utilizzate per la riscossione, c’è il fermo auto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati