27 Febbraio Feb 2017 1000 27 febbraio 2017

Perché si avvertono le extrasistole

  • ...

Con il termine extrasistole si indica una forma di aritmia, forse la più semplice e che raramente è collegata ad altre patologie cardiologiche gravi.

La sensazione avvertita viene spesso definita come quella di un “battito mancato”.

Extrasistole: cause e rimedi

Il fenomeno dell'extrasistole è legato al battito cardiaco, la sensazione del “cuore che si blocca” è dovuta ad una pausa leggermente più lunga tra un battito e l'altro ed è accompagnata dal battito di “atterraggio” un po' più forte del solito. Di solito a causarla è uno stato di ansia o uno scompenso emotivo, mentre altre volte può essere collegata ad altre patologie come problemi alla tiroide o gastrici, carenza di potassio o un'eccessiva stanchezza.

Spesso vengono accusate dal paziente, ma altre volte possono essere scoperte durante una visita cardiologica di routine. Non esiste una cura, in quanto si tratta di un “problema” passeggero, ma in caso fosse collegato ad altre patologie, sottoponendosi a terapie specifiche per quei determinati disturbi, anche le extrasistole spariranno.

Il fattore “ansia”

Le extrasistole generano di norma una sensazione di panico nell'individuo che le avverte: l'impressione è quella che stia succedendo qualcosa di grave al proprio corpo e questo crea una situazione di allarme. La risposta emotiva dell'individuo spesso accentua il problema, soprattutto se si tratta di un fenomeno che non era mai stato percepito prima d'ora.

Solitamente non è collegato a nessuna patologia, ma nel caso in cui il problema dovesse ripresentarsi o dovesse interferire con la vostra vita in maniera significativa, è meglio consultare un medico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati