14 Marzo Mar 2017 0900 14 marzo 2017

Quale tipo di immunità evocano le vaccinazioni

  • ...

Si è molto parlato del fatto se sia giusto o meno vaccinare grandi e piccini contro infezioni e malattie. C'è chi considera i vaccini deleteri per l'organismo e chi, invece, li reputa un toccasana per l'individuo. I fatti recentemente accaduti hanno mostrato come i vaccini abbiamo realmente salvato la vita a molte persone che si sono vaccinati contro la meningite. Eppure, nonostante i risultati positivi, l'Italia si trova divisa in due tra chi è a favore e chi è contrario. E' risaputo che i vaccini mirano ad evocare determinati tipi di immunità negli organismi. Ma quali?

Quali immunità evocano i vaccini

Vaccinare significa iniettare nell'organismo una minima quantità di un particolare agente infettante nell'organismo dell'individuo. In questa maniera, il corpo, rispondendo in modo immunologico, è costretto a produrre specifici anticorpi atti a combattere l'infezione. Nella maggior parte dei casi, i batteri ed i virus introdotti all'interno dell'organismo sono già morti, ma comunque in grado di produrre una risposta immunologica.

Esistono dei vaccini obbligatori ed alcuni fortemente raccomandati. Ma quali e quanti? I vaccini più comuni sono:

  • Morbillo;
  • Varicella;
  • Parotite;
  • Pertosse;
  • Poliomelite;
  • Rosolia;
  • Tetano;
  • Epatite virale b;
  • Difterite;
  • Meningite;

Non si sa ancora da che parte stia la verità, per quanto riguarda se è bene o no vaccinarsi. La medicina ogni giorno fa progressi e questo è certo. La vaccinazione resta dunque a discrezione del paziente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati