22 Marzo Mar 2017 1145 22 marzo 2017

Come fare punture sottocutanee

  • ...

A chi non sarà mai capitato di dover assumere farmaci tramite iniezioni? Ma non tutte le iniezioni sono uguali e per effettuarle correttamente non basta solo esercitarsi con un frutto.

Ma quanti tipi di iniezioni esistono?

Vari tipi di Iniezioni

Esse possono essere di vari tipi:

  • Intramuscolari, fatte all’interno di un tessuto muscolare appunto, ricco di vasi sanguigni per favorire la diffusione del farmaco nel sangue;
  • intradermica, dallo stesso nome "che non supera il derma", si utilizza per le vaccinazioni o per scoprire eventuali allergie;
  • sottocutanee, punture che vengono praticate nel tessuto adiposo sotto la pelle con un ago corto e sottile per tutte quelle sostanze ad assorbimento lento;
  • intravenose, consistenti nell’introduzione diretta nel flusso sanguigno.

Iniezione sottocutanea: come farla

  • Prima cosa da fare sarà lavarsi bene le mani prima di sconfezionare la siringa, fare attenzione poi a non toccare mai l’ago con esse;
  • aprire le fialette dove è contenuta la medicina e aspirarle con una siringa adatta apposita per iniezioni sottocutanee;
  • preparare un batuffolo di ovatta e disinfettare bene la zona dove deve essere praticata l’iniezione facendo attenzione a non fare arrossare la zona strofinando eccessivamente. In teoria la sede di iniezione potrebbe essere indifferente purchè sia una zona con un sufficiente strato di epidermide: le zone più consigliate sono i lati esterni delle braccia o delle coscia ma sarebbe preferibile su uno dei quadranti laterali e anteriori dell’addome attraverso il quale il farmaco verrà anche assorbito meglio. Fare attenzione a non pungere nella zona centrale vicino l’ombelico in quanto vi è grande presenza di vasi sanguigni.
  • prendere tra pollice e indice di mano sinistra una plica di pelle dove andrà praticata l’iniezione, e con la destra procedere con l’iniezione in modo delicato ma con fermezza. Il farmaco andrà immesso lentamente.
  • a fine iniezione sfilare con delicatezza l’ago e tamponare con un batuffolo per fermare eventuali fuoriuscite di sangue.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso