10 Maggio Mag 2017 1138 10 maggio 2017

Piorrea come curarla

  • ...

La Piorrea, nota anche come Parodontite, è una malattia infiammatoria che porta alla distruzione dei tessuti di supporto del dente, in particolare le gengive. Questa infiammazione coinvolge infatti il tessuto, l’osso alveolare (che ricopre la radice del dente), la gengiva stessa e il legamento parodontale.

Si tratta di un problema che causa disagi di natura sia estetica che pratica (per esempio riguardo alle funzioni masticatorie e fonatorie). Il timore, fondato, dei pazienti, è quello della perdita definitiva dei denti.

Come prevenirla

La Piorrea è causata da un’infezione batterica, pertanto, per prevenirla è indispensabile una corretta igiene orale. Questa va intesa sia a livello domiciliare (lavarsi sempre i denti a casa) sia professionale, ovvero eseguita da un parodontologo che rimuoverà il tartaro. Bisogna poi considerare una serie di elementi che predispongono l’individuo alla malattia: fumo, stress, fattori ereditari e ormonali e malattie come il diabete o l’aids.

Come si cura

Nella maggior parte dei casi, se la Piorrea viene diagnosticata in stato avanzato viene presentato come unica soluzione per risolvere il problema in modo definitivo l’intervento chirurgico. In questo caso si procede all’estrazione dei denti che verranno sostituiti con impianti o una protesi dentaria.

La chirurgia però non è l’unico modo per curare la parodontite, e spesso problemi di piorrea anche in stadio avanzato si possono risolvere definitivamente in altri modi. Dopo un’accurata diagnosi si può infatti procedere con una terapia non chirurgica che prevede diverse sedute per rimuovere accuratamente la placca e il tartaro nelle tasche gengivali.

La pulizia della gengiva è la base della cura: quest’ultima, infatti, una volta pulita, tenderà ad aderire nuovamente al dente. Questo approccio terapeutico viene condotto in anestesia locale e prevede da parte del paziente solo un po’ di pazienza (ci vorrà qualche settimana perché la cura sia completa) e di attenzione all’igiene orale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati