27 Gennaio Gen 2017 0911 27 gennaio 2017

Cos'è la Formula E

  • ...

La Formula E, o com’è chiamata ufficialmente FIA Formula E Championship, è per molti il futuro delle gare in auto: si tratta in fatti di una classe di competizioni che utilizza soltanto vetture elettriche. La serie è stata ideata nel 2012 e il primo campionato ha esordito a Pechino il 13 settembre del 2014. Al momento il campione in carica è Sebastien Buemi, e la sua scuderia è quella che ha vinto il campionato marche, la Renault e.dams.

Il campionato e i circuiti

La Formula E prevede al momento 10 squadre, ognuna delle quali con du piloti. Di norma, le gare si tengono in circuiti chiusi urbani, con una lunghezza che va dai 2 ai 3,4 chilometri. L’unico autodromo al momento è quello del gran premio (o ePrix, come sono conosciute le gare della Formula E) di Città del Messico.

Come funzionano le gare

Tutti gli eventi di Formula E iniziano con le prove, in due sessoni al mattino, una di 45 e una di 30 minuti. Le qualificazioni si tengono di solito a mezzogiorno e durano un’ora. I piloti sono divisi in gruppi di 5, ognuno dei quali ha a disposizione sei minuti per ottenere il proprio giro migliore. Dalla seconda stagione in poi c’è una Super Pole che si tiene tra i cinque migliori piloti, per determinare la composizione della griglia di partenza.

La massima potenza a disposizione dei piloti è di 200 kW mentre in gara questo dato è limitato a 170 kW. Per quanto riguarda l’assegnazione dei punti, si segue il metodo della FIA. Una delle particolarità della Formula E è che per ogni gara i fan possono scegliere i propri piloti preferiti, e i tre vincenti ricevono 100 kJ di energia in più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati