11 Agosto Ago 2017 1151 11 agosto 2017

Manutenzione auto estate

  • ...

Quando arriva l'estate spesso si organizzano delle gite o dei lunghi viaggi in macchina per raggiungere le mete delle vacanze: per questo motivo è assolutamente necessario assicurarsi che la propria vettura non abbia nessun tipo di problema prima di mettersi alla guida; ecco quali controlli bisogna eseguire e in cosa consiste la manutenzione dell'auto in estate.

I controlli da fare prima di mettersi in viaggio

La prima cosa è naturalmente portare l'auto dal meccanico (ovviamente considerando le giuste tempistiche) per fare un'accurata verifica. Vanno monitorati gli pneumatici, i freni, la batteria, il filtro dell'aria (particolarmente importante nel periodo più afoso) e il parabrezza, senza dimenticare quelli che vengono definiti come controlli di routine (livello dell'olio, sospensioni, perfetto funzionamento degli indicatori visivi).

La macchina deve essere controllata, ma anche il conducente deve, in qualche modo, superare dei controlli: bisogna mettersi al volante solo se si è freschi e lucidi e bisogna avere a portata di mano tutto quello che occorre per guidare bene (ad esempio occhiali da sole, acqua…). Prima di partire bisogna ovviamente controllare di avere a disposizione tutti i documenti come patente, assicurazione, libretto di circolazione e revisione ed assicurarsi che siano ancora validi.

Consigli per una corretta manutenzione dell'auto in estate

Ma a parte tutto questo, in cosa consiste la manutenzione dell'auto in estate? Innanzi tutto durante questa stagione la macchina andrebbe lavata almeno un paio di volte, aumentando la frequenza dei lavaggi in presenza di salsedine o sabbia. Per preservare la carrozzeria è necessario prendere dei provvedimenti. La cera andrebbe passata due o tre volte durante l'arco dell'anno, ma è fondamentale ricordarsi di farlo almeno durante l'estate per proteggere la vernice della carrozzeria.

Per proteggersi dal caldo e dai raggi UV è possibile applicare su lunotto e sui finestrini posteriori una pellicola oscurante; per la parte anteriore invece la protezione può essere rappresentata dal telo parasole riflettente, lo strumento ideale per evitare che la pelle e le plastiche del cruscotto si possano seccare e riempirsi di crepe. Naturalmente non bisogna dimenticarsi di cercare di parcheggiare sempre all'ombra: ne beneficeranno la carrozzeria e gli interni, ma soprattutto non si rischia l'effetto sauna quando si torna a bordo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso