14 Marzo Mar 2017 1029 14 marzo 2017

Quale tipo di alimentazione seguono gli induisti

  • ...

Con il termine induismo non si va ad indicare solo una religione, bensì un’intera cultura: un modo di mangiare di vestirsi, amare, morire. Una serie di abitudini quotidiane tramandate da millenni con scrupolo e tenacia.

I Veda e l’alimentazione

Tutto l’induismo si basa sui Veda, un imponente corpus di letteratura religiosa il cui nome sta per “sapere”. Questi testi sarebbero stati uditi misteriosamente da anonimi veggenti, quindi prodotti senza alcun intervento umano. Tra i tanti argomenti affrontati, i Veda danno spazio anche all’alimentazione, si possono leggere vari passi dove viene sottolineato di non mangiare carne perché:

“Si diventa degni della salvezza quando non si uccide alcun essere vivente".

e ancora:

“Chi uccide gli animali, non può provare piacere nel messaggio della verità assoluta”.

A quanto pare la filosofia tramandata dai Veda riconosce appieno agli animali la potenzialità di raggiungere stati di elevata spiritualità eguagliando così tutti gli esseri viventi.

Induismo: regime alimentare

Dunque ritenendo sacra ogni vita animale, gli induisti sono, per la maggior parte rigorosamente vegetariani ricordando che la mucca in modo particolare viene considerata sacra (sono previste delle eccezioni negli ospedali e nelle caste più basse). La mucca è considerata non solo animale sacro ma c’è chi crede che accudirne una porti alla beatitudine.

L’alcol è severamente proibito ai bramani, ma è ammesso se assunto con moderazione per le altre persone. Prima di ogni pasto ci si lava e ci si cambia e durante le vigilie di determinate ricorrenze è previsto il digiuno.

Quindi l’induismo più ortodosso pratica il vegetariesimo con si ai latticini ma non sempre alle uova ma ovviamente a seconda delle regioni e delle caste si possono trovare deroghe che permettono il consumo di carni ovine di pollo e di pesce.

In Occidente se si pensa alla cucina indiana si pensa alle spezie ma in realtà come in ogni nazione l’alimentazione varia da regione a regione.

Nel nord dell'India largo uso di una sorta di burro chiamato ghee nel quale soffriggono le spezie, caratteristici sono anche diversi tipi di pane ma anche piatti con carne di agnello e pesce con salse e yougurt.

Nel sud la cucina si basa più sui legumi, cereali in modo particolare lenticchie e riso.

Le bevande variano dai succhi di frutta, sciroppi di cocco o di fiori aromatizzati. Tipico è il Chai, un the molto forte che può essere servito con il latte e tanto zucchero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati