21 Dicembre Dic 2017 1112 21 dicembre 2017

Come fare un presepe ecologico

  • ...

Quando si avvicina il Natale le case di molti italiani si illuminano e vengono impreziosite dalla presenza dell'albero decorato o del presepio; quella della ricostruzione della nascita di Gesù è una tradizione a cui tantissime persone sono particolarmente legate e ogni anno si cerca di realizzarne una sempre più bella, più originale o più “green”; ecco quello che serve per fare un presepe ecologico.

Cosa serve per fare un presepe ecologico

Il riciclo, il recupero di oggetti che molti definirebbero di scarto e l'impiego di materiali naturali rappresentano i capisaldi del presepe ecologico. Chi sceglie di realizzare un progetto del genere non solo avrà la certezza di realizzare un'opera unica, ma potrà beneficiare della soddisfazione (e del divertimento) di aver creato tutto da solo, senza dimenticare il risparmio legato al mancato acquisto di nuove statuine e accessori.

Per fare un presepe ecologico basta recuperare un po' di materiale: carta, cartone, scampoli di stoffa, polistirolo, pezzetti di legno, colori...non c'è limite alla fantasia! È molto importante avere però un'idea su come verranno disposti i vari personaggi nello scenario: quelli che saranno più vicini all'osservatore dovranno essere più grandi rispetto a quelli che verranno sistemati sullo sfondo, in modo da ottenere un convincente effetto prospettico.

La classica base del presepe è il muschio: chi non riesce a recuperarlo può utilizzare della sabbia o della segatura colorata (magari con diverse gradazioni di verde). Per costruire le case si può utilizzare del cartone: dopo aver realizzato la forma sarà possibile colorarla e aggiungervi particolari utilizzando altro materiale di recupero. Anche la stalla può essere realizzata con del cartone, ma si possono utilizzare anche dei pezzi di legno (due assi di dimensioni simili per fare il tetto a due spioventi, altri due pezzetti per le pareti laterali e uno un po' più grande per il retro).

Come creare i personaggi

I personaggi possono essere fatti con diverse tecniche: c'è chi preferisce modellarli utilizzando della pasta di sale e chi invece preferisce costruirli assemblando vari materiali; ad esempio per il corpo si possono utilizzare i tubi di cartone dei rotoli di carta igienica, oppure si possono creare dei coni di carta per i corpi, oppure ancora si possono impiegare dei rocchetti per filo o i tappi di sughero; sulla sommità del corpo si incollano le teste (fatte di carta, polistirolo o recuperando delle palline di argilla espansa). Le statuine possono essere colorate o “vestite” utilizzando degli scampoli di stoffa.

Per fare le immancabili pecorelle del presepe ecologico si può utilizzare dell'ovatta a cui aggiungere le zampette fatte con degli stuzzicadenti ritagliati. Per arricchire il paesaggio si possono aggiungere stradine (basta recuperare dei piccoli sassolini), laghetti o fiumi (la carta stagnola è un classico) e alberi (con i rametti secchi l'effetto realistico è assicurato: per fermarli è possibile creare una base con un tappo di plastica riempito con del caffè ben compattato).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso